Mancano pochi metri all’allacciamento Altamura-Matera

Fervono i lavori di allargamento della statale 96  Altamura-Bari 

Giovanni Mercadante

Corrono spediti i lavori di allargamento della sede stradale Altamura-Bari. L’ANAS sembra rispettare la tabella di marcia. Un cantiere di oltre 40 chilometri con mezzi giganteschi per realizzare una grande opera che  si sta concretizzando dopo decenni di lamentele e iter burocratici. Un’arteria di vitale importanza per la circolazione del traffico automobilistico e camionistico che attraversa due città importanti: Altamura e Matera collegando la Puglia con la Basilicata e quindi con la Calabria e la Sicilia.

I mezzi d’opera visibili lungo il percorso sono una dimostrazione pratica che quando c’è la volontà e disponibilità finanziaria degli enti statali,  tutto procede per il meglio. Molti tratti sono stati già asfaltati e completati anche con i muri di contenimento sulla roccia affettata.

Due ampie carreggiate nei rispettivi sensi di marcia che danno il senso del grande nastro d’asfalto sulla direttrice per Bari senza transitare dai paesi limitrofi. Le rotatorie  sono solo per agevolare lo smistamento del traffico lungo le bretelle di servizio. Un’opera gigantesca che registra il plauso delle comunità toccate da questo progetto.

L’On. Liliana Ventricelli con una  nota personale dichiara che  da parte sua c’è la massima attenzione alla grande opera di ampliamento della strada statale 96, arteria di rilevanza interregionale e nazionale. Sin dall’inizio del suo mandato parlamentare ha tenuto insistenti contatti con l’Anas e con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti per chiedere conto degli stop temporanei e per sollecitare il rispetto del cronoprogramma.

E’ il caso di dire, continua l’On. Ventricelli che si è  sulla strada giusta auspicando davvero che i cittadini possano vedere risultati concreti nel giro di pochi mesi. I lavori sono a buon punto e consistono nel complessivo raddoppio da due a quattro corsie dell’intera viabilità Bari-Matera di cui Altamura e Gravina sono snodi nevralgici. Questa grande opera pubblica è suddivisa in una serie di lotti e progetti-stralcio: i cantieri sono quattro, tre in corso ed uno sospeso.

Attualmente è all’85% di realizzazione il 2° stralcio Altamura-Toritto (in territorio altamurano) per complessivi 11 chilometri oltre alla viabilità di servizio e complanare già realizzata. E’ al 65% la realizzazione della strada Toritto-Palo del Colle-Modugno che è l’opera maggiore in termini di costo, che comporta anche la realizzazione di una lunga bretella che by-passa l’abitato di Palo del Colle.

Il cantiere più recente è quello della variante di Altamura che consiste nella realizzazione di un nuovo tratto di circonvallazione fra i km 81 e 85 con congiunzione alla strada statale 99 Altamura-Matera. Il termine dei lavori è previsto nella primavera del 2018.

E’ sospeso, invece, il tratto Altamura-Toritto (1°stralcio), per
intenderci quello di Mellitto, che andrà a nuovo appalto dopo la rescissione contrattuale con le ditte che stavano lavorando.

In questo caso l’On. L. Ventricelli non ha alcun riferimento certo. In tutte le situazioni il suo “pressing” è costante per ottenere   rispetto delle date previste dai contratti fra Anas e ditte esecutrici nonché per il tratto di Mellitto che è fermo da tempo.

Anche il Sindaco prof. Giacinto Forte, contattato telefonicamente,  ha dichiarato che l’ANAS, con i cui dirigenti è in costante contatto, sta rispettando i tempi e al momento non ci sono criticità da segnalare.

1195total visits,3visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *