fbpx

Trump taglia le tasse, Wall Street vola poi ripiega. resta nodo delle coperture

Print Friendly, PDF & Email

​Donald TRUMP rinuncia alla realizzazione immediata del muro col Messico per mancanza di fondi, ma annuncia “il piu’ grande taglio delle tasse nella storia degli Stati Uniti”. Wall Street prima vola, trascinando tutte le principali piazze europee, poi ripiega nel finale di seduta facendo emergere una certa cautela degli operatori per la mancanza di molti dettagli, soprattutto sul fronte delle coperture.

Donald Trump l’ha definita “grandiosa”. Il suo consigliere economico la considera “un’opportunità che capita una volta per generazione”. Il segretario al Tesoro crede che sia un mezzo per portare ad almeno il 3% la crescita annua degli Stati Uniti alimentando l’occupazione e convincendo le aziende americane a rimpatriare “migliaia di miliardi di dollari” di utili parcheggiati all’estero. Ma la riforma fiscale presentata oggi dalla Casa Bianca come la “maggiore dal 1986” non ha stupito praticamente nessuno, nemmeno gli investitori che a Wall Street hanno fatto perdere slancio agli indici. Il motivo è semplice: il 45esimo presidente Usa vuole sì promuovere “uno dei maggiori tagli delle tasse nella storia Usa” ma i dettagli scarseggiano, anche su come coprire le entrate nelle casse del fisco che verrebbero a mancare. In una conferenza stampa congiunta, Gary Cohn e Steven Mnuchin – rispettivamente direttore del National Economic Council e ministro dell’Economia – non hanno fatto altro che confermare le indiscrezioni che circolavano da giorni: l’imposta sulle aziende verrà ridotta al 15% dal 35% con l’intento di eliminare quello che viene considerato uno svantaggio competitivo per la Corporate America, a cui verrà offerta per altro una tassa una tantum per il rimpatrio degli utili generati al di fuori degli Usa; il numero delle aliquote per le persone fisiche verrà ridotto a tre da sette (al 10% , al 25% e al 35% contro la più alta in vigore attualmente al 39,6%).

Per le famiglie, i primi 24.000 dollari di reddito non verranno tassati (il doppio rispetto a quanto previsto ora) ma quelle che vivono in Stati come New York, New Jersey e California dove le tasse sono particolarmente alte non potranno più detrarre letasse municipali e statali dai redditi dichiarati. Viene inoltre eliminata la tassa di successione, sono previste agevolazioni per l’assistenza all’infanzia ed è garantita “la protezione della proprietà abitativa e delle detrazioni di spese fatte in beneficenza”. Di più, non è stato detto. E infatti, mentre nella sala stampa della Casa Bianca veniva fatto circolare un foglio soltanto per riussumere i (pochi) punti della riforma, Cohn ha promesso: “Vi faremo sapere i dettagli al momento opportuno. Stiamo discutendo intensamente con il Congresso”, che deve approvare la proposta. Mnuchin spera sia approvata “entro la fine dell’anno in corso” (ma in passato puntava a prima delle ferie d’agosto). E’ stato Cohn, ex presidente di Goldman Sachs reclutato daTrump, a ricordare che all’inizio degli anni ’60, quando il presidente Jfk aveva tagliato le tasse, “l’aliquota per le persone era al 90% e l’evasione era galoppante”. Con Ronald “Reagan l’aliquota fu portata al 28% e dopo di lui è tornata a salire”. Quando il 40esimo presidente lasciò la Casa Bianca nel 1988 “l’imposta sulle aziende era al 34% e da allora è rimasta più o meno a quel livello”, ha aggiunto Cohn.

Cohn ha affermato che saranno esenti da tasse i primi 24.000 dollari di reddito. Sara’ inoltre abolita la tassa di successione, che attualmente puo’ raggiungere il 40% sugli assi ereditari che superano il milione di dollari. La riforma abolira’ inoltre il prelievo del 3,8% che era stato imposto sulle rendite da capitale per finanziare l’Obamacare, riportando la tassa sulle plusvalenze e i dividendi al 20%. Secondo la Casa Bianca, la riforma fiscale potrebbe far accelerare il ritmo della crescita economica sopra il 3%, contro una media di circa il 2% registrata nell’ultimo decennio. “Negli ultimi 25 anni”, ha sottolineato Cohn, “gli altri Paesi hanno diminuito aggressivamente la loro imposizione fiscale e si sono mossi per un sistema ‘territoriale’ per attirare le imprese”. Un sistema fiscale ‘territoriale” prevede che gli utili delle aziende siano tassati nei Paesi dove vengono realizzati.4

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2017/04/27/trump-taglia-le-tasse-wall-street-vola-poi-ripiega-resta-nodo-delle-coperture
Twitter