Estero

Paura a Parigi: evacuata Gare Du Nord per sospetti terroristi

FORZE SPECIALI IN AZIONE, CONTROLLI NEGATIVI SUI TRENI

Ore di paura ieri sera alla Gare du Nord, la principale stazione ferroviaria di Parigi, evacuata dalla polizia per consentire la perquisizione di un treno sul quale i servizi di un “Paese partner” avevano segnalato la presenza di tre sospetti terroristi. I controlli delle forze speciali hanno dato esito negativo e, intorno alle 2 di notte, la stazione e’ stata riaperta regolarmente.

Allarme terrorismo nella notte a Parigi, a poco più di 24 ore dell’elezione del nuovo presidente Emmanuel Macron. La Gare du Nord è stata evacuata per un’imponente operazione di polizia: agenti delle forze speciali sono arrivati in massa per verificare la presenza di tre persone – presunti terroristi – su un treno proveniente dal Nord della Francia. L’operazione si è conclusa intorno all’1:50 senza alcun risultato. “Alla fine delle verifiche c’è stato un ritorno progressivo alla normalità”, ha fatto sapere su Twitter la prefettura di Parigi. Le persone ricercate erano un cittadino afgano e due cittadini belgi, di cui la polizia ha diffuso le foto. Secondo quanto si è appreso, l’allarme sulla loro presenza in territorio francese era già scatatto nelal giornata di sabato, prima del voto per le presidenziali. La stazione era stata evacuata poco prima di mezzanotte per consentire alla Brigata di ricerca e intervento (BRI) di perlustrare un treno proveniente da Valenciennes (Nord), sul quale avrebbero potuto trovarsi i tre ricercati, ha spiegato una fonte vicina all’indagine. Secondo la stessa fonte, l’operazione sarebbe scattata a seguito dell’allarme lanciato da un dipendente delle ferrovie. Ma altre fonti hanno riferito che la presunta presenza di tre sospetti terroristi sarebbe stata segnalata dai servizi segreti di paesi partner.

http://www.parlamentonews.it/


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE