fbpx

Progetto lettura Regione Puglia

Print Friendly, PDF & Email

Educazione alla lettura e costituzione dell’Accademia dell’Editoria – Firmato il Protocollo d’Intesa tra Regione Puglia, Ufficio Scolastico Regionale e I Presidi del Libro

Di particolare spessore culturale, sociale ed educativo si appalesa l’iniziativa della Regione Puglia di sottoscrivere con l’Ufficio Scolastico Regionale e l’Associazione i Presidi del Libro, un protocollo d’intesa a sostegno dell’educazione alla lettura. A darne l’annuncio con un pizzico di giustificata soddisfazione è Sebastiano Leo, Assessore alla Formazione, Istruzione e Lavoro della Regione Puglia: “Ho sempre ritenuto la lettura non un privilegio esclusivo o elitario ma un’opportunità comunitaria per poter acquisire le giuste competenze per diventare un cittadino del domani. I paesi in cui si legge di più sono quelli più sviluppati economicamente, più civili e con meno disuguaglianze. In questo senso la scuola, oggi più che mai oggetto di grande retorica, è l’unica reale possibilità di cambiamento, l’unico strumento per ridisegnare il futuro. Per questo le scuole pugliesi sono al centro delle politiche di investimento culturale della Regione Puglia”.

L’iniziativa punta ad accrescere nelle nuove generazioni la consapevolezza dell’importanza della lettura e dei saperi come strumenti utili alla conoscenza, alla libertà e al proprio futuro, in un’ottica di cittadinanza consapevole ma anche di opportunità professionale. Punto cardine del progetto, inoltre, è la nascita della prima Accademia del Mezzogiorno per la formazione delle nuove figure professionali legate al mondo del libro. Parlare di editoria significa parlare di una filiera produttiva con molte professionalità coinvolte: editing, redazione, grafica, impaginazione, realizzazione tecnica dell’oggetto libro, organizzazione degli eventi di promozione della lettura, sono solo alcuni degli aspetti legati al mondo libro, senza dimenticare anche il mondo editoriale digitale, gli e-book. Sarà, poi, l’Associazione i Presidi del Libro, da sempre impegnata nella promozione della lettura e della conoscenza, a farsi promotore di questa “Scuola di formazione” delle nuove professioni che ruotano attorno al mondo dei libri e delle arti. La Regione Puglia e l’Ufficio scolastico regionale, ciascuno per le proprie competenze, si sono reciprocamente impegnate a sostenere l’iniziativa e a lavorare sull’importanza dell’educazione alla lettura quale strumento di tutela del benessere economico presente e futuro degli adulti e dei giovani.

L’assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, Loredana Capone, ha ricordato che si tratta della prima esperienza di questo genere in Italia e che, pertanto, la Regione Puglia ne va particolarmente fiera. Collaborare insieme e creare un sistema (comuni, scuole, università, associazioni, etc) per attivare e consolidare iniziative di promozione della lettura in Puglia, per qualificare sempre più l’offerta regionale rappresentano i presupposti fondamentali necessari per creare nei giovani e meno giovani la consapevolezza che dal libro e dalla lettura passa la crescita culturale e sociale dell’intera regione. Il piano regionale di promozione della lettura si svilupperà secondo un programma pluriennale di interventi per incrementare i lettori in Puglia. E’ questa la sfida della Regione, una sfida che coinvolge tutti insieme i Comuni, le imprese, le associazioni culturali, gli editori, il mondo della Scuola e dell’Università, le Agenzie regionali e l’Associazione dei Presìdi del Libro.

Perché se è vero che siamo la terra dei grandi scrittori, della musica, del teatro, del cinema, è altrettanto vero che continuiamo a restare al margine delle classifiche nazionali per la percentuale di lettori, per lo stato delle nostre biblioteche, gli orari di apertura al pubblico, la qualificazione dei nostri dipendenti. Proprio le biblioteche pubbliche, invece, rappresentano un servizio essenziale per le nostre comunità. In questa ottica, diventa cruciale il loro ruolo ed è per questo che la Regione Puglia ha affidato alla Fondazione Apulia Film Commissione, nell’ambito del Progetto “Mediateca Regionale”, uno studio di fattibilità sul sistema delle biblioteche pugliesi, con particolare attenzione a quelle pubbliche dipendenti dai Comuni, considerato il fine di garantire servizi accessibili e gratuiti per tutti i cittadini, per la realizzazione di un Polo Bibliotecario Regionale. L’obiettivo dello studio, che parte dall’analisi di un campione di biblioteche regionali, è quello di fornire un censimento delle biblioteche per trasformarle in agorà, in piazze del sapere che vedranno, presso l’ex Caserma Rossani di Bari, il centro di coordinamento regionale del polo.

“La città può e deve diventare uno strumento per allargare la base dei lettori – ha sottolineato Loredana Capone – Per riuscire nell’intento, però, non può prescindere dall’esistenza di strutture deputate alla lettura quali in particolare biblioteche, librerie e scuole. È necessario che queste strutture si facciano portatrici sane di progetti educativi che permettano la creazione di capacità e benessere nella comunità”. La “Città del Libro” deve dar vita a una rete di rapporti che colleghi tutti i soggetti attivi nel territorio (Istituzioni, Enti pubblici, agenzie educative, soggetti non profit e profit) e che, grazie a una prassi di collaborazione continuativa, renda la lettura un’abitudine sociale diffusa nonché uno strumento di inclusione sociale per tutti quelle categorie e quei soggetti più svantaggiati normalmente esclusi dalla partecipazione culturale. Nel corso della conferenza stampa l’Assessore Capone ha annunciato che il Centro per il libro e la lettura ha attribuito a Lecce il titolo di “Città del libro 2017” per il ruolo svolto dalla città pugliese nell’ambito del progetto e, più in generale, per l’impegno dimostrato nella promozione della lettura.

L’accordo tra Regione Puglia e Centro per il Libro e per la Lettura del Mibact si pone infatti in continuità proprio con il progetto sperimentale di promozione della lettura, ideato e finanziato dal Centro, che vede la Provincia di Lecce impegnata nella diffusione della cultura del libro tra i più piccoli insieme ad altre quattro province italiane (Biella, Ravenna, Nuoro, Siracusa) e alla Regione Umbria. Lo scopo è stimolare le Amministrazioni comunali a diventare riferimento per attività permanenti da realizzare di concerto con gli attori locali. Nel corso dell’incontro si è parlato del bando “Community Library”, una delle azioni ‘work in progress’ previste nell’ambito del Piano Strategico della Cultura per la Puglia 2017-2025, Piiil – Prodotto, Identità, Innovazione, Impresa, Lavoro, il cui stato dell’arte, in quanto modello sperimentale, è stato, peraltro, presentato in anteprima a Torino nel corso della XXX edizione del Salone Internazionale del Libro.

La presenza della Puglia a Torino è stata organizzata in collaborazione con i Distretti Produttivi regionali Puglia Creativa e Dialogoi e APE, l’Associazione degli Editori Pugliesi. Il quotidiano nazionale ed internazionale on line “ Il Corriere Nazionale” esprime apprezzamento per l’iniziativa anche se giunge un po’ tardi rispetto alle altre Regioni ed ai tempi d’attesa dei cittadini. Va detto, però, che “meglio tardi che mai”. Il nostro quotidiano ha avviato già da tempo e sostiene un progetto di “Educazione alla lettura” che vede coinvolti i suoi numerosi lettori ed in particolare gli alunni e studenti delle Istituzioni scolastiche pugliesi. Ove mai ci verrà richiesto siamo sempre pronti ad offrire la nostra collaborazione; intanto andiamo avanti con quanto già progettato e diffuso proprio attraverso le pagine del “ Il Corriere Nazionale”.

Giacomo Marcario
Comitato di Redazione de “ Il Corriere Nazionale”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2017/05/25/progetto-lettura-regione-puglia
Twitter