fbpx

Inferno nel grattacielo a Londra, sei morti ma si teme una strage

Print Friendly, PDF & Email

​DECINE FERITI. RINVIATO ACCORDO TORY-DUP. POLEMICHE SICUREZZA

Se il bilancio attuale e’ di sei morti e piu’ di 70 feriti, si teme pero’ una strage per l’incendio che a Londra ha colpito un grattacielo residenziale, la Grenfell Tower, di 27 piani a North Kensington. Vi abitano 450-500 persone, e secondo la polizia vi potrebbero essere intrappolate ancora delle persone, ne’ ancora viene dato il numero dei dispersi. Dei feriti, 20 gravi. Scene di panico e disperazione durante i soccorsi, testimoni hanno riferito di aver visto gente che lanciava i propri figli dalla finestra per sottrarli alle fiamme. Uno di loro sarebbe stato messo in salvo da un uomo che l’avrebbe preso al volo. Polemiche sull’allarme antincendio. Rinviato l’ annuncio dell’accordo di governo fra Conservatori e unionisti nordirlandesi del Dup. La premier May affranta per la perdita delle vite umane.

E’ di sei morti e 74 feriti, di cui 20 in condizioni critiche, il bilancio provvisorio dell’incendio avvenuto questa mattina alla torre Grenfell, West London, abbiamo trattato e trasportato 64 pazienti in sei ospedali in tutta la citta’; di questi 20 sono ancora in condizioni critiche – si legge in un comunicato -. Altri 10 pazienti sono arrivati da soli in ospedale, portando il numero totale di persone in cura a 74″. la Polizia Metropolitana (MET) di Londra ha confermato sei morti e diversi testimoni descrivono i residenti che cadevano o saltavano dall’edificio incendiato in fiamme. Per domare le fiamme nel palazzo di 24 piani, la cui causa e’ ancora ignota, sono intervenuti oltre 200 vigili del fuoco e 40 autobotti, incluse 14 unita’ di salvataggio.

La costruzione della Grenfell Tower, grattacielo londinese teatro del violento incendio di stamattina, è stata avviata nel 1972 ed ultimata nel 1974, come primo passo per la realizzazione del progetto di riqualificazione dell’area ovest di Lancaster Road. Il complesso è stato costruito nell’ambito dei programmi per l’edilizia popolare, ma nel corso degli anni nel grattacielo sono andati a vivere anche inquilini con alti livelli di reddito, tra cui ex atleti olimpionici. Il grattacielo di 24 piani è gestito dal Kensington and Chelsea Tenant Management (Kctmo) – la più grande organizzazione per la gestione degli affitti nel Regno Unito – conta 120 appartamenti ed è stato ristrutturato due anni fa. Nei pressi della Grenfell Tower si trovano diversi centri commerciali, tra cui Notting Hill, White City e Westfield Shopping Centre. I piani per il “progetto di rinnovamento” del palazzo sono stati resi pubblici nel 2012. La ristrutturazione da 10 milioni di sterline, intrapresa da Rydon Ltd., è stata completata nel 2016. Nell’ambito del progetto, nel 2015-2016, nella struttura in cemento armato sono state messe nuove finestre e nuovi rivestimenti in alluminio composito ricoperti da un isolante termico. Il lavoro è stato eseguito da Harley Facades, a un costo di oltre due milioni e mezzo di sterline.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2017/06/15/inferno-nel-grattacielo-a-londra-sei-morti-ma-si-teme-una-strage
Twitter