fbpx

Vincenzo Lo Sasso: lucano eccellente

Print Friendly, PDF & Email

“Se il nostro destino fosse stato quello di restare in un luogo solo avremmo avuto le radici non i piedi…..
MCF.

PER ME questo distingue la carriera di VINCENZO LO SASSO, Il suo stesso essere uomo ed artista.
Una massa di riccioli, ora brizzolati, su un testone da genio, ecco il primo impatto che si ha con Vincenzo Lo sasso.
Si un genio, un personaggio eclettico e vincitore in tutti i vari campi in cui si e’ cimentato.
Ma e’ soprattutto un uomo di una cultura vastissima, di esperienze vissute, di una vita vissuta, sempre sperimentando che lo porta dalle sue origini e vissuto in un piccolo paese lucano attraverso Milano , l’europa e la consacrazione a New York, alla Direzione Artistica del MUSEO BELLINI di Firenze.
Ha vissuto nel MONDO e dal mondo, dalla MATERIA ha assorbito per creare tutta la sua arte nelle mille sfaccettature e periodi.

Ma ripercorriamo le sue tappe.
Nato a Taranto nel 1954, da genitori Lucani, di VAGLIO BASILICATA, paese di antichissime tradizioni e reperti archeologici, quindi materici, ma un nucleo ben chiuso nei suoi usi e retaggi atavici, dove comunque trascorre le sue estati, e si crea il sio IMPRINTING con la pietra , la materia.Da Taranto si trasferisce ad Arona (sul Lago Maggiore) cominciando il su percorsodi studi. A venti anni si trasferisce a Milano per seguire con successo gli Studi di Architettura. A Milano Studia e lavora, e viene a contatto con realtà varie e diverse che lo attraggono moltissimo.

Sviluppa a livello professionale la sua passione per la FOTOGRAFIA. Milano – Facoltà di Architettura, Fucina dell’Arte BRERA, la Milano dell’Alta Moda, della Fotografia , della Pubblicita’, delle sfilate. La Milano che piano piano si insinua nelle sue vene come sperimentazione di Fotografo di Alta Moda, ma non solo quello da Milano a New York il passo e’ breve ed e’ basato sulla FOTOGRAFIA D’ARTE.

Convogliato da committenze fruttuose con Vogue Italia, e tante altre.
Lo scopre il TEATRO, collabora con il Balletto di Arte Contemporanea di San Pietroburgo e con il Teatro Stabile di Ancona.
Il mondo dello spettacolo, la sua creatività sono notevolmente apprezzate da Eros Ramazzotti, Anna Oxa, Gianni Morandi ed altri. il suo impegno spazia anche in campo pubblicitario, attraverso i lavori concepiti per L’Oreal, Wella, Schwarzkopf e per note aziende di moda tra Milano e New York.

Nel 2007 partecipa alla Fiera Luxory and Yacts di Verona nella sezione “Allestimento Gallerie” con un’opera di notevoli dimensioni.
Comunque gia’ dal 1999 si dedica prevalentemente all’Arte conn progetti ben precisi.
Idee che puntualmente realizza e mette in mostra in personali esclusive.
Le sue opere sono in importanti collezioni pubbliche e private.

Nel 2007 inaugura la sua prima personale “GHIACCIO BOLLENTE” presso il Chiostro di San Matteo a Genova, con il Patrocinio del Comune di Genova e dell’Ordine degli Architetti di Genova, e “LABBRA”, Genova-Nervi

Nel Luglio 2008, la sua personale ” IL SEGNO E IL SOGNO” e’ ospitata negli appartamenti storici, che costituiscono la PINACOTECA della REGGIA DI CASERTA. Fotografie manipolate pittoricamente su supporti nuovissimi quali l’alluminio.Una sua tecnica particolare e personalissima colori metallici diffusi sulla base di allumio pressato,immagini uniche ed inimitabili. Patrocinata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

www.youtube.com

Nell’estate del 2009 il Castello DORIA di Portovenere accoglie la personale ” EMOZIONI”, organizzata dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e paesaggistici della Liguria.

2010 ARONA, “SENZA TEMPO”Chiostro del Palazzo Comunale.

Nella primavera del 2011 espone presso la 532 Galleria TOMAS JAEKEL di New York a SOHO , il qurtiere degli artisti vip.le sue opere “EVANESCENT DREAMS”.

E’ ORMAI CONSACRATO.

E’ PRESENTE alla 54 esima Edizione della BIENNALE DI VENEZIA con l’ opera ” FRAMMENTI DELL’ANIMA”.

2013 BARI , Chiesa di Santa Teresa dei Maschi “NICOLA I COLORI DEL SANTO”.

2013 Mostra MATERA IL FUTURO (I LOVE MY GHOST) Rione Sassi – Matera

2014 Atlantic Gallery, New York “PARTS OF ME”

POI In ARTE GENOVA “FRAMMENTI DELL’ANIMA”.

Nel 2015 rientra a Vaglio Basilicata per la mostra “LUCI ED OMBRE” Caravaggeschi e Caravaggismi, presso il Museo delle Antiche genti di Lucania, Patrocinio della Regione Basilicata e del Comune di Vaglio.

Una storia che non si ferma e un continuo divenire, un evolversi di modi, tempi, nuove tecniche e materiali.
Dalle Foto, alle opere pittoriche, alla trasposizione su metallo, e non Ultima alla SCULTURA “GRAFFI E CAREZZE”.
Spettacolari parallelepipedi di pietra che prendono forma….o con GRAFFI quasi furiosi, spaccature, spigolature, che ricordano un pò le Porte Bronzee del Vaticano di EMILIO GRECO, o altri scultori.

Forme sinuose, dolci, accattivanti, che si insinuano nella pietra quasi in maniera sensuale, ricordando le forme morbide, sensuali e accattivanti delle luci ed ombre caravaggesche, o dei caravaggismi.
Il contrasto poi tra il parallelepipedo grezzo e le zone lavorate e’ fantastico…..e le lavora a mano, niente trapani, solo scalpello, martello, chiodi, scalpellini, carta vetrata in qualche punto.

Parlare poi con lui e’ fantastico. Spazia su tanti campi. Parla della sua arte, delle sue opere, come di bambini partoriti con dolore e felicità al tempo stesso, e frammezza con piccole frasi e ricordi della sua vita e delle sue tante esperienze.
Tutto molto serio, ma con ironia e anche qualche risata, ricordando che ci conosciamo da piccolissimi, che abbiamo giocato su quelle scale di quella zia in comune (la sua zia Giulia moglie del fratello di mio padre Silvio) sullo stesso pianerottolo dove abitava il suo amico piu’ caro, ora mio cognato, in quel paese incantato ed immobile nel tempo.

Poi il nostro ritrovarci per quella Mostra voluta proprio dal Comune di Vaglio, poi per la mostra a Bari .
La complicità ritrovata unita ad una autentica ammirazione, reciproca, per quello che siamo attualmente due bambini che seppure nati in Puglia, hanno tascordo i primi anni a Vaglio, poi si sono spostati seguendo i loro percorsi di vita, e tornano di tanto in tanto alle loro radici, ma lui e’ ormai un VIP.

Un artista importante e con una carica prestigiosa nel MUSEO BELLINI di Firenze, che conserva il ricordo immutato di questo mondo, un ritorno alla sua terra, che ha l’odore della Pietra degli SCAVI ARCHEOLOGICI della Civilta’ OSCA.Maria Catalano Fiore

Un pensiero riguardo “Vincenzo Lo Sasso: lucano eccellente

  • 17 Giugno 2017 in 10:18
    Permalink

    DUE PRECISAZIONI 1- VINCENZO LO SASSO NASCE DA PADRE LUCANO E MADRE PIEMONTESE DI ARONA (SUL LAGO MAGGIORE)
    2- ATTUALMENTE OCCUPA LA CARICA DI DIRETTORE ARTISTICO E DELLA FOTOGRAFIA AL “IL NUOVO RINASCIMENTO” DI LUIGI BELLINI. CON SEDE AL MUSEO BELLINI LUNGOARNO SODERINI 5 FIRENZE
    Chiedo scusa per queste imprecisioni.
    Maria Catalano Fiore.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2017/06/16/vincenzo-lo-sasso-lucano-eccellente
Twitter