fbpx

In Puglia troppi under 30 disoccupati. Al via una risoluzione in Consiglio

Print Friendly, PDF & Email

Misure europee per lavoro giovanile

“Quella con le sigle sindacali e le associazioni di categoria, come Cisl, Cna e Confartigianato, ci ha purtroppo confermato quanto già temevamo in partenza. Nonostante le iniziative dell’Unione Europea, qui al Sud e soprattutto in Puglia la disoccupazione giovanile resta un’emergenza”.

Lo dichiara il presidente della VI Commissione Lavoro, Formazione Professionale e Scuola, e consigliere regionale de La Puglia con Emiliano, Alfonso Pisicchio, a margine delle audizioni su “Programma di lavoro della Commissione europea 2017, impulso all’occupazione giovanile”.
“In Puglia – spiega Pisicchio – secondo i dati Eurostat del 2014, la disoccupazione giovanile nella fascia d’età 15-24 anni arriva al 58% rispetto al 34,1 dell’Italia e al 19,4 dell’Eurozona. Dati sicuramenti allarmanti che ci hanno convinto ad avviare un ciclo di consultazioni con le parti sociali per arrivare a stilare una risoluzione che possa approdare all’attenzione del consiglio regionale della Puglia”.

“Per affrontare il problema della disoccupazione, soprattutto giovanile e tenere il passo delle economie emergenti – sottolinea Pisicchio – l’Europa deve rendere più dinamico il proprio mercato e puntare sull’eccellenza che deriva da solide basi di conoscenza. Servono in tal senso investimenti nel campo dell’istruzione e della ricerca, nonché politiche dell’occupazione che sappiano stare al passo coi cambiamenti e aiutino l’UE a superare definitivamente la crisi economica mondiale”.
“Occorre adesso rafforzare e dare certezze ad esempio con Garanzia Giovani, una misura nelle intenzioni buona ma che in fase di applicazione ha purtroppo dimostrato numerosi limiti, come denunciato proprio dalle sigle sindacali e dalle associazioni di categoria. Ora ci apprestiamo a valutare anche gli effetti del ‘corpo di europeo di solidarietà’. Si tratta di una nuova misura europea, lanciata a dicembre 2016, che dà l’opportunità agli under 30 di contribuire allo spirito di solidarietà acquisendo nuove competenze linguistiche e riguardanti progetti di mutuo soccorso, come ad esempio la prevenzione delle catastrofi naturali, la ricostruzione a seguito di una calamità o l’assistenza nei centri per richiedenti asilo politico”.

“Buone prassi – conclude Pisicchio – sulle quali però le Regioni, compresa la Puglia, devono mantenere alta la guardia se davvero vogliono combattere il disagio dei nostri ragazzi che non trovano un lavoro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2017/06/21/in-puglia-troppi-under-30-disoccupati-al-via-una-risoluzione-in-consiglio
Twitter