fbpx

Cardinale Pell incriminato per reati sessuali, è superministro Economia del Vaticano

Cardinale George Pell (Foto Fotogramma)

La polizia australiana ha incriminato il cardinale George Pell per reati sessuali. Il Cardinale è stato “incriminato con atto di citazione ed è chiamato a comparire davanti alla Pretura di Melbourne il 18 luglio”, ha reso noto il vicecommissario di Victoria, Shane Patton parlando con i giornalisti.

Le notifiche di imputazione sono state consegnate ai rappresentanti legali di Pell a Melbourne ieri, ha aggiunto la stessa fonte, precisando che ci sono “diversi capi di imputazione e ….diversi querelanti”. Pell, a capo del dipartimento finanze del Vaticano, ha ripetutamente respinto le accuse, relative al periodo in cui esercitava il sacerdozio nella sua città natale di Ballarat, negli anni Settanta.

Dal canto suo Pell ha “respinto strenuamente ogni accusa”. “Il Cardinale Pell rientrerà in Australia, prima possibile, per riabilitare il suo nome seguendo i consigli e l’approvazione dei suoi medici che daranno inoltre consigli sui suoi spostamenti”, si legge in una dichiarazione dell’arcidiocesi di Sydney rilasciata a nome di Pell. “Il cardinale ha precisato che attende il giorno in cui dovrà comparire davanti alla corte per respingere le accuse con forza”.

Print Friendly, PDF & Email

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2017/06/29/cardinale-pell-incriminato-per-reati-sessuali-e-superministro-economia-del-vaticano
Twitter