Estero

Venezuela, repressa rivolta militari: 2 morti e 8 arresti


​MADURO: ABBIAMO VINTO COI VOTI E ORA ANCHE CON LE PALLOTTOLE

Ancora sangue in Venezuela. Le forze armate bolivariane hanno annunciato di aver stroncato un tentativo di rivolta di un gruppo di militari. Nell’azione sono morti due dei ribelli e otto persone sono state arrestate; in una manifestazione e’ stato ucciso un dirigente politico locale. Maduro ha assicurato che il chavismo stavolta “ha vinto con pallottole”, ricordando la vittoria invece “con i voti” alle elezioni per la Costituente.

Ancora sangue in Venezuela. Le forze armate ‘bolivariane’ hanno annunciato di avere stroncato un tentativo di rivolta di un gruppo di militari: nell’azione sono morti due dei ribelli e qualche ora dopo, non lontano dal luogo della fallito sollevamento, durante una manifestazione e’ stato ucciso un dirigente politico locale. In serata, commentando i confusi avvenimenti di Valencia, nello stato di Carabobo, il presidente Nicolas Maduro ha assicurato in un’ennesima dichiarazione segnata dalla violenza che il ‘chavismo’ “oggi ha vinto con pallottole”, ricordando la vittoria invece “con i voti” alle elezioni per l’Assemblea Costituente.

Nel suo lungo intervento, Maduro ha poi dato qualche precisazione su quanto successo alla base ‘Fuerte Paramacay’. Di un primo gruppo di “dieci aggressori, due sono stati abbattuti dal fuoco leale alla patria, uno e’ ferito”. Solo uno degli attaccanti e’ un militare, “un tenente disertore, da qualche mese. E’ stato catturato e “collabora attivamente”, ha aggiunto, precisando che un altro gruppo di ribelli e’ invece riuscito a scappare. Domandandosi ‘chi paga la fattura di questo attacco, di questo atto di disperazione’, Maduro ha poiindicato “Miami e la Colombia”.

Sull’emergenza Caracas e’ ieri  intervenuto anche il premier Paolo Gentiloni. “#VenezuelaImmagine della procuratrice Luisa Ortega Diaz destituita che fugge in moto impone una risposta diplomatica europea contro la deriva autoritaria”, ha sottolineato via twitter il presidente del consiglio italiano. Mille tesi si sono rincorse nel corso della giornata su quanto accaduto al ‘Fuerte Paramacay’. Oltre ai due morti tra ribelli, nelle ore successive all’attacco gruppi di manifestanti sono scesi in piazza, subito respinti con il lancio di gas lacrimogeni dalla forze di Caracas. In una di queste proteste, proprio a Valencia non lontano da ‘Paramacay’, e’ stato ucciso Rafael Rivas, dirigente 51/enne del partito ‘Avanzada Progresista’. La base militare e’ stata presa d’attacco all’alba da una ventina di uomini, subito definiti “terroristi” da Diosdado Cabello, numero due del ‘chavismo’ e l’uomo piu’ potente del paese sul fronte militare. Nonostante le spiegazioni di Maduro, la dinamica dell’azione rimane poco chiara, anche perche’ il militare alla guida dell’attacco non e’ uno sconosciuto: nell’aprile del 2014, il capitano Juan Caguaripano aveva gia’ fatto un tentativo quasi del tutto simile a quello odierno. E’ lui il “tenente disertore” indicato dal presidente. “Ci dichiariamo in legittima ribellione”, ha affermato Caguaripano in un video riferendosi alla “tirannia di Maduro” ed escludendo di volere “un golpe”: “la nostra, ha aggiunto, e’ un’azione civica e militare”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE