fbpx

Lido di Chioggia, gestore indagato per apologia di fascismo

Print Friendly, PDF & Email

FASCISMO SALVINI LO ANNUNCIA E ATTACCA, ‘LASCIATE LAVORARE LA GENTE!’

Gianni Scarpa, titolare dello stabilimento balneare Punta Canna di Chioggia, ‘e’ indagato per apologia di fascismo. Pazzesco. Lasciate lavorare in pace la gente!’, scrive su Facebook il leader della Lega Matteo Salvini. ‘Con assassini, spacciatori e clandestini a spasso, lo stato italiano processa le idee. Mettendomi a disposizione di Gianni per un’eventuale difesa legale, mi viene voglia di andare a trovarlo a Chioggia’, conclude, mettendo con gli hashtag #leideenonsiprocessano e #pdacasa.

Risulta iscritto sul registro degli indagati per apologia di fascismo dalla procura della Repubblica di Venezia Gianni Scarpa, l’imprenditore balneare, che ha detto di essere solo “il bagnino”, al centro di un caso per l’affissione di immagini e scritte che facevano riferimento al fascismo del bagno “Playa Punta Canna” a Chioggia, poi rimosse su ordine del prefetto lagunare Carlo Boffi. Ne da’ notizia il sito di “Repubblica” ed anche Salvini, in una sua dichiarazione, ha riportato il fatto. L’iscrizione segue la segnalazione fatta alla procura dalla Digos che aveva compiuto una serie di accertamenti sulla presenza dei cartelli e delle immagini affisse in piu’ punti dello stabilimento balneare.

“Indagato per ‘apologiadi fascismo’ Gianni Scarpa, titolare dello stabilimento balneare Punta Canna di Chioggia. Pazzesco. Lasciate lavorare in pace la gente! Con assassini, spacciatori e clandestini a spasso, lo ‘stato italiano’ processa le idee”. Lo ha scritto su Facebook il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini. “Mettendomi a disposizione di Gianni per un’eventuale difesa legale, mi viene voglia – ha aggiounto – di andare a trovarlo a Chioggia”. Salvini ha concluso il post con gli hashtag #pdacasa e #leideenonsiprocessano.

“Salvini si metta in testa che l’apologia di fascismo in Italia è un reato. Bene che la Procura di Venezia abbia aperto un’indagine su Gianni Scarpa, il gestore dello stabilimento balneare di Chioggia. Un eccesso di tolleranza su questi temi non è più ammissibile”. Così la senatrice Pd Francesca Puglisi replica al leader della Lega Matteo Salvini.

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2017/09/06/lido-di-chioggia-gestore-indagato-per-apologia-di-fascismo
Twitter