Bacilli e imbecilli

La stupefacente vicenda dei vaccini obbligatori rende altrettanto “obbligatorio” continuare ad occuparsene. Non se

ne può fare a meno, anche perché non c’è niente di meglio per capire come, in che modo e con quali intenzioni il

Potere, e i suoi scagnozzi, ci manipolano. Il campo di battaglia dello scontro vax-no vax è una specie di piccolo

laboratorio della menzogna, di palestra bonsai della sofistica. Al suo interno ci potete trovare davvero quasi tutta la

gamma delle tecniche di falsificazione della verità e di distorsione del linguaggio. Vedi uno dei tweet di Renzi  («Con

i vaccini non si scherza. Prendiamo sul serio la scienza e mettiamo al centro la salute dei nostri figli, non la

propaganda») a commento della notizia secondo cui, nel primo trimestre del 2017, vi sarebbe stato un aumento del

230% di casi di morbillo rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. L’affermazione è vera e fuorviante al tempo

stesso, in perfetta sintonia con un’epoca subdola e infingarda come quella attuale. È vero che fino a marzo 2017 i casi

di morbillo sono stati 700 contro i 230 dell’anno prima (+ 230%). Ma trattasi di un dato insignificante se si allarga lo

spettro della propria osservazione. Infatti, gli episodi furono 4.671 nel 2010,  2.269 nel 2012, 1.695 nel 2014. Quindi,

numeri assai superiori a quelli attuali e, soprattutto, un trend in sostanziale diminuzione. Senza voler considerare i

18.020 casi del 2002. Parliamo di annate in cui il relativo vaccino non era obbligatorio e nessuno si stracciava le vesti

per introdurlo. La strategia, dunque, è presto svelata ed è persino offensiva nella sua trogloditica malizia: estrapoli il

segmento di un insieme e poi riduci i paragoni e le statistiche agli elementi che vi sono ricompresi escludendo

dolosamente tutti gli altri. Roba da mercante in fiera, da fattucchiera dello strapaese.

Eppure funziona. Altro

esempio: In un editoriale su La Stampa,  ci hanno informato che la Francia ci copierà e, dal primo gennaio, imporrà

ai suoi bambini 11 vaccini (contro i nostri 10). Qui la magia da Casanova della domenica consiste in questo: parlare di

un futuro tutto da scrivere di un solo paese e ignorare il certissimo presente di tutti gli altri: ad oggi, nel resto della

civilissima Europa, su 29 stati, ben 15 non hanno alcuna obbligatorietà e – tra i primatisti della vaccinazione coatta –

fino a ieri spiccava proprio l’Italia, insieme alla Grecia, e già  prima della fascistissima riforma.  Quasi quasi facciamo

nostro lo slogan di Renzi (solo con una piccolissima modifica): «Con la verità si scherza. Prendiamo sul serio i bilanci

delle case farmaceutiche e mettiamo al centro il bene del loro business, non quello dei nostri bambini».

Francesco Carraro

www.francescocarraro.com

29total visits,1visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *