fbpx

Riflessioni su principi fondanti della creazione dell’Universo

Print Friendly, PDF & Email

Riflessioni su principi fondanti della creazione dell’Universo e di Adamo a immagine di Dio creatore e poi di Eva.

Nel mio io ho avevo immaginato di avere sognato la meraviglia di un mondo diverso da quello reale, poi ho incontrato e dialogato con la gente, abitanti della sfera terrestre che erano disponibili, solidali, una tranquillità celestiale e universale, avvertivo che erano gioiosi e contenti, ma neanche uno che avesse detto di stare male o di essere stato umiliato, depredato, malmenato o essere condannato senza colpa alcuna.

 Non vi erano molto ricchi nell’immaginazione del mio sogno ma benestanti e lontani da ogni litigio e da inutili processi come avviene nel nostro piccolo e grande mondo reale. E come fosse, un sogno che mi ha coinvolto istintivamente a esprimere una mia logica del pensiero che poteva andare oltre la filosofia e lo sviluppo creato dall’evoluzione dell’essere umano.

E seguivo attentamente la linea del sogno irreale e la mia mente che non reagiva per opporsi e rientrare precipitosamente nella logica del riposo notturno e speravo che si potesse interrompere il sogno che descrivo e invocare la vita reale dell’essere umano. E immaginavo che tale sogno mi abbia rapito e al tempo stesso prigioniero e chiesi a me stesso: Perché siamo nati? Perché’ si cresce? Perché’ si muore? E ci si addormenta? E poi la resurrezione nel giorno del giudizio universale?

Questi citati interrogativi mentre sognavo, iniziai a ragionare per chiarire con le dovute risposte: Quando uno si chiede perché’ sono nato? Perché’ tutti quelli che nascono sono proiettati nella vita terrena e si realizza il dono offerto da Dio. E a tutti quelli che credono a Dio, saranno fortunati per avere ricevuto in dono la fede che pregherà e lo ameranno per tutta la vita. Ci sono anche le persone, umili e devote che operino per il prossimo, quest’ultime consacra Santi in terra e poi saliranno nel mondo celestiale.

Perché’ si cresce? E’ la conseguenza che ogni bimbo sarà adulto e maturo capace da affrontare le avversità e lavorerà onestamente per godere la sua vita. Perché’ si muore?   Dopo la morte tutti gli esseri umani sono destinati ad altra vita spirituale ed eterna.

Perche’ ci si addormenta dopo la morte? Perche’ dopo la resurrezione saremo convocati al giudizio universale. Perche’ dopo essere giudicati, ognuno potra’ ottenere un particolare premio che il clero lo indico’ a entrare in paradiso o diversamente condannato per i reati gravi sara’ destinato come previsto dal Vangelo di Gesù Cristo.

Certamente ciò che sognavo e quello che pensavo andavano in una direzione che mai avevo deciso un percorso tortuoso della vita mia che positivamente ho raggranellato una quantità innumerevole di anni e non posso che ringraziare Dio che mi ha donato la vita e in salute che mi permette di potere goderla con parsimonia e saggezza e spero per altri anni ancora.

Ritornando al sogno lo giudico molto interessante e coinvolgente perché’ traggo dal sogno anche molte cose logiche, buone e non solo materiali ma al tempo stesso profondamente legate al culto clericale anche se sono uno dei tanti laici e soprattutto credo a quello celestiale.

Quanto descrivo e sempre legato all’inverosimile sogno immaginario che proietta molte cose belle, che nel quotidiano l’uomo non osserva perché molto impegnato su cose materiali. E non ha il tempo di contemplare la creazione dell’universo che Dio ha voluto donare all’Umanità.

E purtroppo non altrettanto impegnati nel pensare ciò che sarà in un’altra dimensione perché’ ci piaccia o non, tutti gli esseri umani sono costretti a lasciare e per sempre ciò che fortemente avevano amato, posseduto e per altri ancora peggio per chi detiene il possesso del potere e tutte le cose mondane che valgono finche’ si è in vita, poi detiene nulla in assoluto quando l’uomo è destinato a finire i suoi giorni e con il suo respiro ultimo.

Sono ancorato al sogno immaginario anche se per pochi minuti o se fossero ore, percepisco un sottile filo che mi conduce nella tentazione di sviluppare un mio singolare ragionamento, ovviamente senza ledere ciò che potrebbe sia pure anche se inglobato nell’immaginario ma senza ostacolare la filosofia e ciò che rappresenta la teologia sviluppata nell’ambito della sfera clericale gestita da professori di tale materia di studi.

Sono ancora nel sogno immaginario e per questo percepivo che tutti i neonati del mondo rispettassero questa tradizione avvertivo la logica della normalità per essere sin da subito cristiani. Nella vita quotidiana e un’altra cosa e comunque i battezzati sono sempre più numerosi. Per chi non è cristiano o membro di altre religioni sappiano che il primo contatto con il nostro Signor Dio avviene sin da quando il neonato riceve il Battesimo e con la cerimonia della Prima Comunione quando i bimbi {maschi e femmine} raggiungono l’età della prima maturità ovvero dovrebbe avere compiuto almeno otto anni.

Quando in Chiesa si recita la preghiera fondamentale di ogni cristiano, è in assoluto il Credo accompagnato dalla Fede come rito mistico e sacro che si potrebbe paragonare a un giuramento con testimone la Chiesa e trasmesso volontariamente a Dio.

Questo giuramento è il passo più importante nel corso della propria vita e impegna a tale sacramento ogni singolo cristiano, ma più incisivamente secondo il rito religioso gestito dalla Chiesa Cattolica Apostolica Romana a credere incondicondizionamento tutte le cose visibili e invisibili?

Perché’ le cose visibili sono osservate nella vita terrena e al tempo stesso si ha la certezza scientifica che all’interno della struttura fisica dell’essere umano esiste realmente un altro universo infinitamente piccolo che all’occhio umano non potrà mai vedere e la detta struttura reagisce sorprendentemente regolato dal sistema simile all’universo stellare infinito e tutto questo è stato creato da Dio anche perché’ soltanto un vero Dio poteva nel passato, crea nel presente e nel futuro.

La libertà un vocabolo “comune” ma soprattutto abusato dall’uomo in tutte le ere e in tutto il mondo.  La libertà è un simbolo sacro a ogni singola nazione. La libertà rappresenta l’identità’ nazionale. La libertà è la cosa che tutti la sognano perché’ si crede e si possa essere veramente liberi.

Ripercorrendo la lunga linea del sogno immaginario, la libertà tutti gli uomini che vivono su questa terra l’hanno ricevuta in dono da Dio, perché’ ci ha dato l’opportunità di scegliere il bene dal male, ma e altrettanto vero che la responsabilità pesa e molto, perché’ se operiamo bene o male l’ultimo giudizio spetta a Dio e nessuno lo potra’ ingannare perché; i credenti cristiani e soprattutto i cattolici non quelli che forse potrebbero essere di facciata, ma quelli che leggono il Vangelo e conoscono bene gli insegnamenti della vita di Gesù Cristo.

Nel momento della cerimonia in cui convergono l’unione fra l’uomo e la donna, che realizza il loro matrimonio e in quello stesso istante il marito e la moglie giurano fedelta’davanti a Dio e tale sacramento è indissolubile, mentre nel secolo scorso le istituzioni civili di moltissime nazioni applicarono come se il matrimonio fosse una norma amministrativa.

 E da quel momento milioni di divorzi in tutti gli Stati del Mondo, non solo si manifesto’ un disastro non colmabile da nessun provvedimento civile e le conseguenze che colpirono e colpiscono soprattutto i loro figli che poi, si riconoscono disorientati, ma questo è soltanto l’aspetto civile che non rasserenino nessuno, ma compiono un altro atto contro Dio che invece avevano giurato fedeltà gli entrambi i coniugi.

Un altro grosso errore grande come l’universo che i parlamenti di ogni singola nazione approvano una legge più infamante e abbominevole per tutta l’umanità nell’avere concesso l’unione dello stesso sesso. Un’atra offesa contro Dio che invece creo’ un uomo e una donna. Che dai libri sacri emergono i nomi di Adamo ed Eva.

 Soprattutto tutti i partiti politici predicano per difendere la libertà di ogni singolo cittadino e continuerei all’infinito cosa rappresenta la libertà ottenuta anche con il sacrificio e sofferenza, ma in realtà si presenta virtualmente un’immagine che scorre nello spazio infinito perché’ la libertà è un’illusione terrena perché’ tutti gli uomini dipendono uno dall’altro e a chi sta davanti a noi, dovremo rispondere e a obbedire.

Questo sogno immaginario si può valutare nell’ambito della dimensione dell’Illusione o delusione della vita percorsa dell’essere umano che prima o poi si avvierà lungo il viale  del tramonto e lo ricordera’come fosse stato un sogno meraviglioso che avrebbe potuto possedere tutto ciò che include nella vita terrena, ma poi catapultato nella realtà e di ritrovarsi piccolo, piccolo e povero come fu il destino della sua vita. E in realtà sono convinto che nella vita eterna e celestiale nell’altro mondo, sarà più giusto e migliore. Boston 20 settembre 2017

On. Michele Frattallone Ambasciatore d’Italianità. Presidente del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo, Inc. Componente de il Comitato Scientifico dell’Osservatorio dell’Emigrazione Italiana nel Mondo. Già Consigliere eletto nel COMITATO degli Italiani all’Estero, per due mandati consecutivi nella Circoscrizione Consolare di Boston.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2017/09/20/riflessioni-su-principi-fondanti-della-creazione-delluniverso
Twitter