fbpx

Carni da selvaggina: un progetto per valorizzare la filiera

Print Friendly, PDF & Email

«Selvatici e buoni: una filiera alimentare da valorizzare»: è il titolo del convegno che si è tenuto questa sera presso la sede della Comunità Montana della Valle Seriana a Clusone.

L’iniziativa, che vede il coinvolgimento delle istituzioni ed enti locali, è stata promossa dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, in collaborazione con il Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Milano e la Società Italiana di Medicina Veterinaria Preventiva.

L’obiettivo è lo sviluppo di una filiera di carni di selvaggina curandone ogni aspetto: da quelli igienici-sanitari alla valorizzazione degli stessi animali.

«Le carni da selvaggina rappresentano un’importante carica proteica con una quantità di grassi inferiore rispetto ad altri animali; carni naturalmente biologiche e che rappresentano dal punto di vista nutrizionale una buona alternativa alle carni rosse tradizionali – afferma Silvio Barbero, vicepresidente Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo -. L’obiettivo del progetto è di creare una filiera che sia fatta di soggetti che operino all’interno della filiera in modo responsabile e che rispettino la trasparenza e la legalità; parliamo di cacciatori, macellai, ristoratori che si muovono insieme per certificare le carni. Altro punto centrale deve restare la sostenibilità del prodotto»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2017/09/23/carni-da-selvaggina-un-progetto-per-valorizzare-la-filiera
Twitter