fbpx

Pensioni: Fiom Re David. ‘E’ impensabile lavorare fino a 67-70 anni’

Print Friendly, PDF & Email

“Crediamo che sia impensabile pensare di lavorare fino a 67-70 anni. Peraltro l’aspettativa di vita ormai non cresce piu’, cresce solo per le pensioni. Allo stato chiediamo il blocco all’attuale eta’ pensionabile che c’e’ ora per poi lavorare a una riforma complessiva”. Lo ha detto il segretario generale della Fiom Francesca Re David, a margine di una iniziativa della Cgil.

“Crediamo che sia impensabile pensare di lavorare fino a 67-70 anni. Peraltro l’aspettativa di vita ormai non cresce piu’, cresce solo per le Pensioni. Allo stato chiediamo il blocco all’attuale eta’ pensionabile che c’e’ ora per poi lavorare a una riforma complessiva”. Lo ha detto il segretario generale della Fiom Francesca Re David, a margine di una iniziativa della Cgil a Firenze, parlando con i giornalisti in merito alla riforma delle Pensioni.

“I lavori vanno poi valutati nelle loro differenze – ha aggiunto Re David -, perche’ non si puo’ stare in fabbrica o su un’impalcatura fino a 70 anni. Non si puo’ poi dire che ci si occupa di occupazione giovanile quando si innalzano le Pensioni a 70 anni”. Re David ha ricordato che per questo “sulle Pensioni, c’e’ una piattaforma unitaria Cgil, Cisl e Uil, che guarda in questo momento alla finanziaria e a quel che va fatto nell’immediato ma anche con uno sguardo piu’ ampio perche’ anche tutta la riforma Fornero e’ stata una grande ingiustizia per il lavoro”, ha concluso.

Sulle pensioni”i margini per discutere ci sono sempre, ma non per fare operazioni generalizzate. Valuteremo delle operazioni puntuali”. Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni dopo il Cdm che ha approvato il Def.

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2017/09/23/pensioni-fiom-re-david-e-impensabile-lavorare-fino-a-67-70-anni
Twitter