fbpx

ONU: peggiora la situazione dei diritti umani nella Crimea occupata

Print Friendly, PDF & Email

L’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani lunedì ha avvertito che nei tre anni e mezzo dopo che la Russia ha allegato dall’Ucraina la penisola del Mar Nero, la situazione dei diritti umani in Crimea è “significativamente deteriorata”.

La relazione dell’ONU, presentata a Ginevra, ha cronicizzato presunte istanze di arresti e arresti arbitrari, sparizioni forzate, maltrattamenti e torture, e almeno un’esecuzione extragiudiziale.

“Sono state documentate gravi violazioni dei diritti umani, come arresti arbitrari e detenzioni, sparizioni forzate, maltrattamenti e torture, e almeno un’esecuzione extragiudiziale”, afferma la relazione.

Il lavoro ribadisce che tutti i residenti della Crimea, quando le leggi ucraine sono state sostituite da quelle della Federazione russa, hanno avuto un impatto negativo, e che decine di migliaia sono stati obbligati a prendere la cittadinanza della Federazione russa contro la loro volontà. Queste ed altre azioni, spiega la relazione, sono state eseguite in violazione al diritto internazionale umanitario e dei diritti dell’uomo.

A maggio 2015, circa 100.000 persone, o circa il 4 per cento della popolazione di Crimea, ha rifiutato di assumere la cittadinanza russa, secondo il rapporto. “Decine di migliaia di persone sono diventate stranieri e, di conseguenza, stanno affrontando gravi difficoltà”. Le persone lasciate nel limbo della cittadinanza “non possono possedere terreni agricoli, votare ed essere eletti, registrare una comunità religiosa, applicare per tenere una riunione pubblica, tenere posizioni nella pubblica amministrazione”. Nel frattempo, circa 19.000 persone, la maggior parte delle quali erano impiegati pubblici che volevano mantenere il loro lavoro anche sotto il dominio di Mosca, sono stati effettivamente costrette a rinunciare alla loro cittadinanza ucraina.

Subito dopo l’annessione della Crimea, le autorità russe hanno dichiarato che tutti gli ucraini sulla penisola sarebbero stati riconosciuti come cittadini russi, a meno che non presentassero un rifiuto scritto.
L’imposizione della cittadinanza sugli abitanti di un territorio occupato può essere equiparata all’obbligo di fedeltà ad un potere che può essere considerato ostile, che è vietato sotto la quarta Convenzione di Ginevra.
L’analisi presenta 20 raccomandazioni per il governo russo, e lo esorta a rispettare i suoi obblighi di nazione occupante, di sostenere i diritti umani e di investigare per i casi di tortura, rapimenti e omicidi che sono stati segnalati e che vedono come autori i membri delle forze di sicurezza e d’autodifesa della Crimea.

“La mancata interruzione di questi atti e il non aver addossato responsabilità ha negato alle vittime un rimedio adeguato e rafforzato l’impunità, incoraggiando potenzialmente la continua perpetrazione delle violazioni dei diritti umani”, continua l’indagine.
L’ONU conferma che centinaia di prigionieri e detenuti prima del processo sono stati trasferiti nella Federazione russa, nonostante che la pratica sia strettamente vietata dal diritto umanitario internazionale; mentre almeno tre detenuti sono morti in custodia dopo che sono stati a loro negati gli adeguati trattamenti medici.

Tra gli altri abusi, la relazione dell’ONU nota l’uso del “ricovero forzato negli ospedali psichiatrici” come una forma di molestie contro gli oppositori politici e almeno 10 “scomparse” di persone di cui non si sa più nulla.
“I più colpiti sono gli avversari del referendum del marzo 2014 e altri critici, come giornalisti, blogger, attivisti della società civile e i sostenitori del Mejlis, un’organizzazione istituzionale dei tartari di Crimea dichiarata dalla Russia “un’organizzazione estremista” e vietata nell’aprile del 2016, sotto la pretesa di combattere l’estremismo. Le autorità della Federazione Russa in Crimea hanno effettuato perquisizioni senza mandati, hanno intimidito e detenuto i membri della comunità dei tartari di Crimea senza alcuna motivazione e talvolta li hanno anche obbligati con la forza e le percosse a confessare su fatti e avvenimenti di cui nemmeno conoscevano l’esistenza”, riporta la relazione.

L’ufficio addetto dell’ONU ha continuato a cercare un accesso al governo russo attraverso una “comunicazione ufficiale”, ma non ha mai ricevuto risposta, anche se ultimamente sono apparsi piccoli segni di apertura, ma in ogni caso, fino ad ora, non c’è nessun riscontro. Come membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la Russia può bloccare tutte le proposte che tengono conto delle sue azioni, e, per ovviare a questo handicap, molti stati occidentali hanno risposto imponendo sanzioni sulla Russia.

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2017/09/27/onu-peggiora-la-situazione-dei-diritti-umani-nella-crimea-occupata
Twitter