fbpx

Tra i giovani turisti stranieri in italia uno su sette ammette di essere ubriaco

Print Friendly, PDF & Email

Tra i giovani turisti stranieri che vengono in Italia uno su sette ammette di essere ubriaco già durante il volo
La maggior parte di loro dice di bere in aeroporto preso dall’euforia per il viaggio

Tra i giovani turisti stranieri che vengono in Italia, uno su sette ammette di essere ubriaco già durante il volo. E’ il risultato di un’indagine condotta dal motore di ricerca di voli e hotel Jetcost, che ha fatto un sondaggio tra i giovani utenti stranieri che cercano destinazioni italiane. La maggior parte di loro ha motivato l’eccesso di alcol per l’euforia da viaggio e l’esaltazione per la meta della vacanza. Inoltre, il 35% dei passeggeri, secondo la stessa ricerca, ha detto di sentirsi a disagio quando ci sono passeggeri sbronzi a bordo del proprio aereo.

Il sondaggio condotto da www.jetcost.it fa parte di uno studio sugli aeroporti e sulle abitudini di viaggio dei passeggeri fino ai 18 anni che volano verso l’Italia. Inizialmente, è stato chiesto a tutti gli intervistati quanto tempo prima del loro volo si recano in aeroporto. Il risultato è stato che in media arrivano 3 ore e 52 minuti prima della partenza. La domanda seguente è stata su come impiegano il loro tempo libero in aeroporto in attesa del volo. E questi sono stati i risultati delle risposte:

1. Bevo alcol
2. Vado nei negozi dell’aeroporto
3. Mi siedo e aspetto di imbarcarmi
4. Mangio qualcosa
5. Ho avuto appena il tempo per check-in e imbarco

Quando poi gli è stato chiesto di parlare delle proprie abitudini durante il volo, uno su sette ha ammesso di essere stato ubriaco. La metà, con precisione il 49%, ha detto di aver iniziato a bere in aeroporto prima di imbarcarsi, mentre il restante 51% ha detto di aver iniziato a bere in aereo. A coloro che hanno ammesso di essere stati “alticci” in volo, è stato chiesto il motivo; le risposte più frequenti sono state: “Perché ero euforico per la destinazione della vacanza” e “Per cercare di passare il tempo”.

Inoltre, un terzo degli intervistati, il 35%, ha spiegato di essersi sentito a disagio o leggermente nervoso quando gli è capitato di accorgersi che sul proprio volo c’erano uno o più passeggeri ubriachi.

Un portavoce di Jetcost ha dichiarato: “Essere sbronzi in volo è sempre pericoloso, anche la persona migliore al mondo può avere un comportamento imprevedibile sotto l’effetto di alcol. In poche ore, in un piccolo spazio condiviso da tante persone, può succedere di tutto. D’altra parte, alcune compagnie sono molto severe quando si tratta di imbarcare passeggeri ubriachi. Non c’è nulla di male nel bere uno o due bicchieri in aereo per rilassarsi e festeggiare l’inizio della vacanza, ma è inconcepibile rovinarsi il primo giorno di viaggio perché si è troppo ubriachi”.
Su Jetcost:
Jetcost è un motore di ricerca per tariffe aeree, hotel e autonoleggi. Questo significa che confronta i prezzi offerti da oltre 250 agenzie di viaggio e compagnie aeree per trovare il miglior prezzo per ogni tipo di viaggio. Una volta che l’utente ha deciso su Jetcost il viaggio che vuole fare, basta cliccare sul prezzo prescelto e si viene reindirizzati direttamente alla pagina dell’agenzia di viaggi che offre la prenotazione del volo, dell’hotel o del noleggio auto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2017/09/27/tra-i-giovani-turisti-stranieri-in-italia-uno-su-sette-ammette-di-essere-ubriaco
Twitter