fbpx

Migrazioni, Corea, Trump: cosa preoccupa gli italiani

Dodicesima rilevazione ISPI – Rainews realizzata da IPSOS

Qual è la minaccia più grave per l’italia? Donald Trump è un esempio da imitare o un fattore di instabilità mondiale? La Corea del Nord è un pericolo per la pace? Ecco la percezione degli italiani su alcuni dei temi più caldi dell’attualità internazionale. Il sondaggio è stato commissionato da ISPI e Rainews24 e realizzato da IPSOS su un campione di oltre 1000 interviste effettuate tra nel quarto trimestre 2917.

Le minacce più sentite:
crisi economica ancora prima (ma in flessione), immigrazione seconda
La crisi economica resta la più grande fonte di preoccupazione per gli italiani, sebbene subisca un sensibile calo rispetto alla scorsa primavera. L’immigrazione rimane la seconda minaccia indicata dagli italiani, anche se a livelli decisamente più bassi rispetto al picco di due anni fa. Da segnalare inoltre che per gli italiani le minacce legate al terrorismo islamico risultano in netto calo rispetto al 2015. I populismi e la crisi dell’Europa vengono invece indicati da meno del 10% degli intervistati.
Quale è la minaccia più grave per l’Italia?* *Il 10% degli intervistati ha risposto “altro”

Trump alimenta l’instabilità
Eletto 10 mesi fa con l’impegno di riformare la politica americana riavvicinandola ai cittadini, oltre il 50% degli italiani ritiene Trump un fattore di instabilità mondiale. Si noti comunque che quasi un terzo degli intervistati ritiene che, rispetto al passato, a cambiare siano stati solo i toni ma non le politiche americane.

Nove mesi dopo il suo insediamento, come valuta la presidenza di Donald Trump negli Stati Uniti?

Nord-Corea: per gli italiani la guerra nucleare è una minaccia vera
Per quasi due terzi degli italiani, il rischio che le tensioni relative al programma nucleare e missilistico del regime nordcoreano di Kim Jong–un si trasformino realmente in un vero e proprio conflitto tra potenze nucleari è percepito come reale. Il 36% degli intervistati, invece, ritiene che malgrado le minacce di Kim Jong–un da un lato, e di Donald Trump dall’altro, il rischio di una guerra sia remoto.
Relativamente alla questione nord–coreana, teme che le tensioni possano sfociare realmente in una guerra fra potenze nucleari?

Kim Jong–un è il principale responsabile
L’85% degli italiani è convinto o abbastanza convinto che le maggiori responsabilità delle tensioni internazionali intorno alla Corea del Nord siano da imputare a Kim Jong–un, e che il programma nucleare di Pyongyang vada fermato a ogni costo. Allo stesso tempo, oltre la metà degli italiani ritiene che anche la Cina da un lato, e Donald Trump dall’altro abbiano responsabilità nella crisi: Pechino come principale alleato del regime nordcoreano e Trump a causa delle sue ripetute provocazioni. È tuttavia importante notare che, simultaneamente, quasi il 40% degli italiani è poco o per nulla d’accordo nell’individuare nella politica del presidente statunitense una causa per la escalation delle tensioni con la Corea del Nord.

Che giudizio si è fatto sulle responsabilità della crisi nordcoreana?
Per ognuna delle frasi che le leggerò mi dica quanto è d’accordo con un voto da 1 a 10 (grado di accordo 1–10).
L’arrivo di migranti continua a preoccupare nonostante il calo
Nonostante dal mese di luglio gli sbarchi di migranti in Italia siano nettamente diminuiti anche come conseguenza degli accordi del governo italiano con quello libico, oltre l’80% degli italiani si dice oggi ugualmente o più preoccupato dell’arrivo di migranti nel nostro paese di quanto non lo fosse prima dell’estate. Il 17% degli intervistati ritiene invece di essere rassicurato dai risultati del governo nella gestione della crisi migratoria.
Rispetto alla scorsa primavera è più o meno preoccupato
per l’arrivo di immigrati nel nostro paese?

Immigrazione: il governo italiano non fa ancora abbastanza…
Nonostante le iniziative del governo sulla questione migratoria, gli italiani reputano ancora insufficienti i risultati ottenuti in questo campo.

Come reputa che il governo italiano abbia agito in merito?

…ma la maggioranza approva il ’piano Minniti’ in Libia
L’opinione pubblica si divide sulle conseguenze del decreto Minniti e l’accordo con la guardia costiera libica. La maggioranza riconosce i benefici per il nostro paese, mentre quasi un terzo degli intervistati esprime un giudizio negativo, giudicano tali misure lesive dei diritti umani dei migranti.
Alcuni dicono che il governo italiano blocca in modo irresponsabile l’accoglienza di chi ne ha bisogno destinandolo a condizioni inumane nei centri libici, altri pensano che comunque sia stato meglio per l’Italia bloccare i migranti. Lei con quale delle due posizioni è più d’accordo?

Print Friendly, PDF & Email

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/01/05/migrazioni-corea-trump-cosa-preoccupa-gli-italiani
Twitter