fbpx

Le Camere ai due partiti vincitori

Print Friendly, PDF & Email

Salvini, faro’ di tutto per rispettare mandato da premier presidenza camere vada ai due partiti vincitori.

Presidenza camere vada ai due partiti vincitori

Per le presidenze delle Camere, “ci sono due forze politiche che hanno vinto le elezioni, non e’ difficile capire con chi si ragionera’”. Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, assicurando che fara’ “tutto quello che e’ umanamente possibile per rispettare il mandato che gli italiani ci hanno dato, ovvero di andare a fare il presidente del Consiglio, ma senza scendere a patti”. Il leader della Lega, invitato stasera in tv da Fazio, ha rifiutato. In campagna elettorale aveva criticato il conduttore Rai per non averlo invitato.

“Se qualcuno ritiene che bisogna aumentare le tasse o è un cretino o è in malafede, o è un cretino in malafede. Noi faremo l’esatto contrario, con la coalizione che ha vinto, il centrodestra, e con chi mette prima dei destini del partito e della poltrona l’interesse del Paese”. Lo ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini, alla Scuola di formazione politica della Lega. “Il programma del centrodestra deve essere messo a disposizione del parlamento per vedere se qualcuno dice che viene prima l’interesse del Paese”. Lo ha detto il segretario della Lega

“Adesso si lavora senza smania e ansia da prestazione. Farò di tutto per rispettare il mandato ricevuto dagli italiani, che è quello di fare il premier, ma senza scendere a patti e rinnegare la nostra bibbia, ovvero il nostro programma di governo”. Lo ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini, davanti alla platea della Scuola di formazione politica della Lega, a palazzo Castiglioni. “Io non sto smaniando, non mi alzo al mattino pensando che o faccio il presidente del consiglio o sono un uomo finito. Io sono a disposizione, a servizio: se per svolgerlo ci sono numeri, condizioni e un programma da seguire come una bibbia sono a disposizione, se si fanno paparacchi o minestroni no. Se qualcuno pensa che questo voto è un incidente di percorso si sbaglia”.

“Governi strani che non rispettano il mandato popolare non li sosteniamo”. Cosi’ Matteo Salvini, a margine della scuola politica della Lega a Milano. La strada che il leader della Lega ha in mente e’ una “forza di governo che duri non 5 mesi ma cinque anni” e dunque in questi giorni il segretario del Carroccio e il suo entourage stanno “ragionando sul programma da offrire a tutte le forze politiche”. “Proporremo agli italiani una manovra economica fondata sul principio ‘meno tasse piu’ lavoro’, a differenza di quanto vorrebbero a Bruxelles”, ha spiegato Salvini.

Dopo aver vinto le elezioni, per Matteo Salvini non c’è posto per i rancori del giorno prima, però, alla scuola politica della Lega a Milano, ha confessato un’eccezione: “Ho il dovere di guardare avanti, mi lascio alle spalle tutto il passato… Mi sono tolto solo una piccola soddisfazione di dire un no: stasera, stranamente dopo le elezioni, ero stato invitato come ospite in trasmissione da Fazio. Gli ho detto: no grazie, faccio altro. Mandiamo un bacione a Fazio e Litizzetto, tanto non gli mancano gli ospiti importanti… i Saviano, i Toscani, i Lerner…”.

“Non ho chiesto il voto degli italiani per fare il presidente del Senato”: lo ha detto Matteo Salvini, rispondendo a una domanda a margine della scuola politica della Lega. Salvini non ha voluto commentare l’ipotesi che i suoi candidati alle presidenze delle Camere siano Roberto Calderoli e Giancarlo Giorgetti, sottolineando di avere “183 parlamentari” fra cui scegliere.

Per le presidenze di Camera e Senato “sarebbe una follia fare il contrario di quello che gli italiani hanno scelto la settimana scorsa. Ci sono due forze politiche che hanno vinto le elezioni non penso che sia tanto difficile intuire con chi si ragiona”,ha detto Matteo Salvini.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/03/11/le-camere-ai-due-partiti-vincitori
Twitter