CulturaItaliani nel mondoOsservatorio Emigrazione Italiana

La giornata della ricerca italiana nel mondo a Pechino

PECHINO – Il prossimo 13 aprile si terranno a Pechino le celebrazioni della prima Giornata dei Ricercatori italiani nel Mondo, istituita nel febbraio scorso dal Miur, come annunciato dal Ministro Valeria Fedeli durante la conferenza degli addetti scientifici alla Farnesina. In tale occasione, l’Ambasciata d’Italia a Pechino ha indetto il Premio per la ricerca “Xu Guanqi”, destinato ad un ricercatore italiano che si sia particolarmente distinto per la sua attività di ricerca in Cina che verrà premiato il 13 aprile durante i lavori della conferenza ospitata in Ambasciata.
Moderati da Plinio Innocenzi, addetto scientifico dell’Ambasciata, i lavori inizieranno con l’intervento introduttivo dell’Ambasciatore Ettore Sequi e i saluti di autorità cinesi.
La prima sessione sarà dedicata al tema “La ricerca italiana incontra la Cina”. Moderati da Lorenzo Gonzo, addetto scientifico a Chongqing, interverranno Plinio Innocenzi e l’ex ministro Luigi Nicolais.
Seguirà la consegna del premio “Xú Guanqi”.
La seconda sessione verterà sul tema “Dalla grande via della seta alla strada della nuova conoscenza”: moderati da Roberto Pagani, addetto scientifico a Shanghai, i lavori saranno suddivisi in tre gruppi tematici (ricerca, eduzione, innovazione). Seguirà una sessione plenaria.
Il Premio “Xú Guanqi”
Il premio è rivolto a ricercatori italiani, di ogni disciplina, che svolgono la loro attività in Cina e che abbiano raggiunto dei risultati di ricerca di particolare valore secondo quanto documentabile attraverso pubblicazioni, monografie, premi, progetti di prestigio. 
Il premio, che consisterà in una medaglia e in un diploma, verrà conferito al vincitore il 13 aprile.
Possono candidarsi al Premio ricercatori di nazionalità italiana in possesso di un titolo di studio di livello universitario e che abbiano seguito almeno parte del proprio percorso di studi (universitari o post-universitari) in Italia; il candidato dovrà aver lavorato nell’ultimo quinquennio presso un’università o un ente di ricerca cinese per un periodo di almeno due anni, anche non continuativi 
Le domande devono essere inviate entro e non oltre il 5 aprile all’indirizzo email: pechino.scienza@esteri.it; e in copia a shanghai.scienza@esteri.it, chongqing.scienza@esteri.it indicando quale oggetto “Partecipazione Premio “Xu Guanqi”
La commissione di valutazione sarà presieduta dall’Ambasciatore Sequi, e formata dagli addetti scientifici di Pechino, Shangai e Chongqing e dal Direttore dell’Istituto di Cultura di Pechino. Il bando e il modulo di domanda sono disponibili qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE