fbpx

Bari: ancora una delusione, terzo pareggio consecutivo stavolta col Novara

Il Bari non sa più vincere. Ancora un pareggio per la squadra di Grosso che dopo un primo tempo orribile da censura, decide di giocare dopo un quarto d’ora nel secondo, riuscendo ad acciuffare il pareggio grazie all’estro di Brienza e di Floro Flores nel frattempo subentrati. E gli è andata pure bene: l’arbitro Marini non ha visto una testata di Nenè ad un novarese che meritava l’espulsione, ed un rigore netto causato da Floro Floers che aveva toccato il pallone con la mano nettamente. Il Novara, dal canto suo, come spesso accade con le avversarie al San Nicola, non sembrava avesse quel posto in classifica avendo giocato molto bene senza paura.
Felice di tornare in panchina dopo la squalifica per un turno perché “l’unità era determinante”, Fabio Grosso cercava la vittoria sia per proseguire in classifica, sia per reagire al mezzo passo falso di Pescara, partita dalla quale si doveva trasformare lo scoramento in rabbia agonistica da mettere in campo questa sera. Ma ancora una volta la sua squadra ha impattato.
Ai tifosi ha chiesto di sostenerli nonostante certi risultati snervanti perché – ha detto l’allenatore barese – l’impegno e, se vogliamo, anche i risultati che hanno sviluppato questa posizione in classifica sulla quale era pronto a mettere la firma a Bedollo dopo aver scelto la rosa, non sono mai mancati. Ma i tifosi sembrano, ormai, scettici e diffidenti e lo si è visto anche nel computo degli spettatori: solo 4446 paganti.
Bari e Novara con due obiettivi precisi, il Bari per i playoff nonostante continui a non infiammare il tifo, il Novara per evitare i playout, entrambe provenienti da due turni negativi: il Bari beffato nei minuti di recupero a Pescara mentre vinceva per 1-2, il Novara sconfitto in casa dalla Ternana per 0-3.
Out Marrone all’ultimo momento per un problema distorsivo, non ce la fa Basha, qualche altro acciaccato in itinere, sicché Grosso ha mandato in campo qualche novità: Micai sempre in porta, D’Elia e Anderson terzini, Empereur e Gyomber stopper, Busellato, Henderson e Iocolano a centrocampo, Cisse’ e Galano ali e Kozak centravanti.
Molti gli ex biancorossi del Novara, Di Carlo ha risposto con Montipo’ in porta, Del Fabro e Troest stopper, Dickmann e Calderoni terzini, Ronaldo a centrocampo, Sciaudone e Casarini mezzali, Moscati dietro le punte Puscas e Sansone.
Poco Bari e tanto Novara nel primo tempo, Bari che mostra un po’ di appannamento sin dall’inizio (ma sarà così per tutto il primo tempo) non giocando col piglio della grande e non andando nemmeno una volta a rete, e il Novara che se la gioca senza paura al San Nicola tanto che al 9′ c’è da registrare una conclusione di Sansone con parata di Micai provvidenziale.
Ma l’occasione di platino accade al 18′ quando un palo clamoroso di Puscas, su battuta di un calcio di punizione con cross di Moscati, nega il gol del vantaggio al Novara.
Solo una blanda reazione per il Bari al 19′ su cross di Iocolano, quando Kozak di testa manda di poco alto al palla.
Bari che incontra molte difficoltà al cospetto di un Novara spavaldo che gioca molto bene tanto da procurarsi diverse occasioni.
Ancora Novara al 26′ con Sansone, complice una difesa barese permissiva, che ci prova tirando in porta da distanza ravvicinata ma Micai ancora una volta para.
Prova a mettere il muso fuori il Bari al 28′ con un cross di Galano, dopo un dialogo con Cisse’, ma il suo cross sfila per tutta l’area di rigore terminando sui piedi di un difensore piemontese.
Si sente la mancanza di Basha, quel giocatore che porta a spasso il pallone fino a cederlo al compagno smarcato, troppo elaborata la trama di stasera.
Al 41′ Moscati per Puscas crea un’altra pericolosa occasione al Novara, un’azione in linea, pulita, ma la sua conclusione termina oltre la traversa. Il Novara arriva con troppa facilità in area barese ed è un segnale d’allarme: al 45′, allo scadere, Puscas trova il gol dopo una palla persa da Galano a centrocampo e recuperata da Calderoni che, in superiorità numerica (erano tre novaresi contro due baresi), serve lo smarcato Puscas.
Franco Brienza è la prima novità del secondo tempo, al posto di Iocolano. Grosso si affida alla sua estrosità che, spesso, fa la differenza nonostante i suoi 39 anni. E al 4′ è proprio lui che con un tiro-cross sfiora la traversa.
Ma il Novara non demorde. All’8′ Puscas, spalle alla porta, su cross di Dickmann si gira ma il tiro seppur ravvicinato è centrale, Micai para.
Ancora Novara su palla persa da parte del Bari con Moscati che tira centrale a Micai para.
Bari completamente nel pallone che concede ancora troppo campo e che non riesce a imbastire una azione degna di tal nome.
Grosso si gioca il secondo cambio, Floro Flores al posto di Kozak al 13′. E sarà la svolta. Finalmente si vede un Bari diverso. Ma è troppo poco mezz’ora.
Bari con una quaterna di estro e fantasia adesso e si vede: è un altro Bari che è sceso in campo con un altro piglio e al 24′ su cross di Brienza, Floro Flores di testa la mette dentro pareggiando il risultato.
Bari galvanizzato dal gol che lo ha svegliato, tanto che adesso si muove bene, ma son stati necessari i cambi in panchina.
Di secondo piano le altre opportunità per il Bari e per il Novara che ha continuato a giocare piuttosto che difendere il pareggio.
Termina la partita con un altro pareggio per il Bari, un pareggio tutto sommato meritato vista la resa in campo delle due squadre. Ma, nel contempo, la squadra barese perde una posizione in classifica. E di questo passo, con poca cattiveria, con poche occasioni da rete, con poca brillantezza, con il solito tempo regalato agli avversari e con gli attaccanti che segnano col contagocce, con questa squadra che gioca bene per mezz’ora e che non riesce a vincere con le squadre di bassa classifica (differentemente dalle altre), non si va lontano sopratutto se si tiene conto che le prossime trasferte si chiamano Foggia, Palermo e Parma. Ed il Perugia in casa. Così, tanto per dire qualcosa.

Print Friendly, PDF & Email

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/04/17/bari-ancora-una-delusione-terzo-pareggio-consecutivo-stavolta-col-novara
Twitter