fbpx

Gibuti: fucilieri dell’aria a protezione della base italiana

Print Friendly, PDF & Email

ROMA – I Fucilieri dell’Aria del 16° Stormo “Protezione delle Forze” dell’Aeronautica Militare, con sede a Martina Franca (Taranto), hanno assunto la scorsa settimana il delicato compito di assicurare sicurezza e protezione al personale e alle infrastrutture della Base Militare Italiana di Supporto (BMIS) in Gibuti, nel Corno d’Africa. I militari dell’Aeronautica Militare sono subentrati ai Paracadutisti della Brigata Folgore dell’Esercito Italiano.
Il passaggio di consegne – riporta l’Aeronautica – è stato sancito da una sobria cerimonia, presieduta dal Comandante della BMIS, il Colonnello dell’Esercito Italiano Lorenzo Guani, che, nel complimentarsi con i paracadutisti della Folgore per “il diuturno e instancabile impegno e l’altissimo livello di professionalità dimostrato”, ha rinnovato la propria piena fiducia verso i Fucilieri dell’Aria.
L’incarico non è una novità per i Fucilieri dell’Aria. Da diversi anni ormai, i militari dell’Aeronautica Militare si alternano con i Reparti dell’Esercito e della Marina Militare specializzati nella Force Protection a protezione della base ove opera il contingente italiano che fornisce il supporto logistico alle operazioni nazionali nel Corno d’Africa e nell’Oceano Indiano.
La base militare Italiana di Supporto in Gibuti conta circa 90 militari delle diverse Forze Armate che compongono il nucleo permanente della missione. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/04/30/69032
Twitter