fbpx

In Hoc Signo Vinces. La leggenda

Print Friendly, PDF & Email

L’ imperatore romano Costantino I, conosciuto nella storia come Costantino il Grande, può essere considerato uno dei capi più influenti dell’antichità, e può rivendicare il maggiore impatto sulla società moderna di qualsiasi leader romano. Perché fu Costantino che è stato determinante nel convertire l’impero romano al Cristianesimo, e che pertanto ha plasmato il destino culturale e religioso dell’Europa e oltre. La sua adozione della fede cristiana, durante il suo trentennale regno come imperatore, è avvolta nel mistero. Egli non si è mai dichiarato cristiano fino ad un’età relativamente avanzata, e fu presumibilmente battezzato solo sul letto di morte.

Ma la sua leadership è stata definita da un processo graduale di accogliere e promuovere la religione che, pure, aveva a lungo oppresso. Nel 313, Costantino fece una dichiarazione estremamente significativa, nell’ Editto di Milano, ha consentito ai cittadini di praticare la religione di la loro scelta, e in particolare ha vietato la sottomissione dei fedeli cristiani. L’annuncio fu supportato da azione diretta, il governo romano, per esempio, restituì alla Chiesa i beni che le furono confiscate sotto i regimi precedenti. Da questo punto in poi, Costantino divenne un grande patrono della Chiesa, dirottando ingenti somme per i progetti di costruzione della chiesa e difendendo i diritti dei cristiani. Anche se l’Impero Romano continuava ad essere dominato dalla tradizione politeista, la sua egemonia decresceva, consentendo alla fede cristiana a prendere piede, e conquistarsi infine la supremazia.

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/05/02/in-hoc-signo-vinces-la-leggenda
Twitter