Giuliani, se Mueller attacca Ivanka Trump l’America si rivoltera’

Robert Mueller stia alla larga da Ivanka Trump. E’ il monito che Rudy Giuliani ha lanciato al procuratore speciale del Russiagate nell’intervista a briglie sciolte che l’ex sindaco di New York ha rilasciato a Fox news nella nuova veste di membro del team legale del presidente. “Ivanka Trump? Io credo che io partirei alla carica, lancia in resta, nei loro uffici se dovessero attaccare Ivanka”, ha detto l’ex procuratore di ferro di New York riferendosi ai suoi ex colleghi che lavorano con Mueller. “Se dovessero prendere di mira Ivanka, cosa che non credo che faranno – ha poi aggiunto – l’intero Paese gli si rivolterebbe contro. Andare contro una figlia?”. A differenza di Jared Kushner, che è stato convocato dal procuratore speciale per testimoniare, Ivanka Trump, che come il marito è consigliere alla Casa Bianca, non è stata ancora convocata da Mueller. Anche su questo Giuliani ha detto la sua: “Jared è una brava persona, lo sappiamo, gli uomini si possono sostituire, ma una donna come Ivanka? Andiamo”.

Non pago dell’exploit della notte scorsa su Fox, che ha messo in fibrillazione i media americani con la rivelazioni riguardo ai soldi con cui Trump avrebbe rimborsato Michael Cohen dei 130mila dollari usati per pagare il silenzio di Stormy Daniels, Giuliani ha concesso interviste a giornali e siti. E questa mattina è tornato sulla Fox, intervenendo a “Fox&Friends”, il programma televisivo preferito dal presidente. In questa sede il nuovo avvocato di Trump ha affermato che Mueller sta cercando in “intrappolare” il presidente spingendolo a dare falsa testimonianza, e per questo vuole un lungo interrogatorio. Ma – ha aggiunto – lui e gli altri avvocati non lo permetteranno. Bisogna notare che ieri anche Trump, in uno dei suoi tanti tweet, aveva parlato di “trappole e tranelli”. In un’altra intervista, con The Hill, Giuliani però non ha escluso del tutto la possibilità di una deposizione di Trump, sottolineando che ci vorranno ancora “diverse settimane” prima di raggiungere una decisione in proposito. Una decisione che dipenderà soprattutto da quanto la linea investigativa di Mueller apparirà “imparziale”. Altrimenti “saremmo degli stupidi ad accettare” la deposizione.

Print Friendly, PDF & Email