Progetto per i connazionali all’estero

Non sempre gli “eventi” del passato sanno di “vecchio”. A riprova di quest’affermazione, riportiamo un nostro progetto che avevamo ufficializzato nella primavera del 1993. Era formalizzato soprattutto per il Vecchio Continente. Sono passati venticinque anni d’allora, le Legislature si sono succedute, ma il nostro progetto ci sembra ancora valido. L’idea era svincolata dalle strutture burocratiche nazionali. Quindi, assai accattivante per i Connazionali all’estero. Il progetto esponeva quattro argomentazioni fondamentali e, quindi, irrinunciabili.

1-valorizzazione dell’informazione diretta ai Connazionali all’estero.

2-rapporto diretto con gli Organismi Ufficiali dello Stato Italiano.

3-migliore l’informazione e tutela fiscale nazionale.

 4-assistenza economico/sociale per i Connazionali che rientrano, definitivamente, in Patria.

E’ passato il tempo e del nostro concetto non si sono mai stimati, in toto, i contenuti. Sul progetto è calata una sorta d’oblio del quale non siamo riusciti a comprendere i motivi. Almeno quelli veri. Allora, come oggi.

Giorgio Brignola

Print Friendly, PDF & Email