fbpx

Interrogativi e speranze

I pronostici su l’Italia che sarà li lasciamo fare ad altri. La nostra panoramica interesserà, quindi, solo i problemi sociali che, tra loro, sono profondamente abbinati. Abbiamo un Potere Legislativo. Per l’Esecutivo, dipendiamo dalle proposte di Mattarella. Quindi, ci sarà un altro Governo d”emergenza”. Facendo riferimento al complesso gioco politico che già abbiamo avuto l’opportunità di intravedere, l’Esecutivo del Presidente dovrebbe essere “formale”. Su chi ne farà parte, non ne abbiamo sentore. Senza essere profeti, questo 2018 resta un anno complesso, di controllo delle regole; ma anche di probabile “stallo”. L’era dei “tecnici”potrebbe tornare. Non ci sono altre scelte. Sempre che non si ritorni al voto; ma con una diversa legge elettorale. Per la qual chiediamo particolare attenzione.

 L’interrogativo principale resterà la reazione del Parlamento al complesso d’interventi che dovrebbero traghettare anche l’economia nazionale. Rimangono, in ogni caso, gli interrogativi dei contenuti programmatici di chi sarà chiamato dal Colle e le relative conseguenze politiche. Il futuro Esecutivo, quando ci sarà, dovrebbe fare risaltare una maturità operativa d’emergenza nella quale poter fare assegnamento. Per ora, interrogativi e dubbi si sovrappongono. Ora la “partita” è passata a Mattarella che già sembra fare conto sulla “fiducia” del Parlamento sulla squadra di governo che dovrebbe avere in “pectore”.

Giorgio Brignola

Print Friendly, PDF & Email

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/05/09/interrogativi-e-speranze-2
Twitter