fbpx

Prima tappa a Bari del progetto europeo “Meaning”

Print Friendly, PDF & Email

Un dibattito sulla partecipazione dei cittadini e la convivenza nelle aree metropolitane europee

BARI – Costruire una rete stabile e collaborativa fra Città metropolitane europee, sviluppare la partecipazione attiva dei cittadini nei processi decisionali delle istituzioni, rafforzare il senso di identità europea oltre che l’inclusione e l’integrazione fra gli abitanti delle varie aree metropolitane.

Nasce con questi obiettivi il progetto “Meaning” (Metropolitan Europeans in Active Network, Inducing Novelties in Governance), finanziato dal Programma “Europe for Citizens 2014 – 2020” che vede tra i partner la Città Metropolitana di Bari insieme alle Città Metropolitane di Milano (Leader Partner), Barcellona, Danzica, Zagabria, Riga, Porto e l’Associazione delle Agenzie della Democrazia Locale (ALDA).

Questa mattina, nella sede della Città metropolitana di Bari, si è svolta una delle tappe dell’attività locale del progetto con un dibattito pubblico fra rappresentanti istituzionali, giornalisti e docenti universitari e di scuole superiori sul tema “La partecipazione dei cittadini e la convivenza nelle aree metropolitane europee di oggi” alla presenza di numerosi studenti del territorio.

All’incontro sono intervenuti Francesca Pietroforte, consigliera metropolitana delegata ai Beni culturali, Lello Longobardi, consigliere metropolitano delegato alle politiche comunitarie,  Francesca Arbore, Dirigente del Servizio Pianificazione Strategica, Politiche Comunitarie, Società Partecipate e Formazione della Città metropolitana, Ferdinando Pappalardo, già docente presso l’Università degli Studi di Bari, Oscar Iarussi, giornalista, saggista, critico cinematografico e letterario e Gianluigi De Vito, giornalista esperto in materia di processi interculturali e di integrazione sociale.

Il dibattito ha preso spunto proprio dai risultati dei questionari somministrati agli studenti di alcuni istituti superiori dei Comuni metropolitani sul tema della conoscenza dei processi e delle politiche decisionali dell’Unione Europea che vedono i giovani troppo ancora molto distanti dalle istituzioni locali e ancor di più da quelle europee. “L’attività locale prevista nell’ambito del Progetto “Meaning” al quale la Città Metropolitana di Bari aderisce in qualità di partner – ha affermato Francesca Pietroforte –  ha l’obiettivo di tenere alta l’attenzione su due grandi temi molto dibattuti negli ultimi anni: convivenza tra popoli in Europa e partecipazione dei cittadini. E Bari non poteva che essere la sede naturale per parlare di questi temi perché crocevia di culture diverse e porta d’Oriente”.

I relatori hanno sottolineato, inoltre, la necessità di sensibilizzare i nostri giovani alla memoria, alla storia e ai valori comuni dell’Unione Europea, quali la promozione della pace ed il benessere dei suoi cittadini; allargare la partecipazione democratica e civica dei cittadini per comprendere meglio il processo di elaborazione politica dell’Unione creando condizioni adeguate per favorire l’impegno sociale, il dialogo interculturale e il volontariato.

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/05/15/prima-tappa-a-bari-del-progetto-europeo-meaning
Twitter