fbpx

Università di Bari e la cooperazione territoriale

Print Friendly, PDF & Email

Obiettivi e prospettive dei progetti interreg v-a grecia-italia 2014 -2020

BARI – In programma il 21 e 22 maggio 2018, nell’Aula Aldo Moro dell’Università degli Studi di Bari (Palazzo del Prete – Piazza Cesare Battisti), l’incontro di presentazione dei 7 progetti di cooperazione transfrontaliera che coinvolgono l’Università, finanziati dal Programma Interreg V-A Grecia –Italia 2014-2020, a valere sulla prima call.

Due giornate informative, organizzate dalla Sezione Ricerca e Terza Missione della Direzione Ricerca, Terza Missione e Internazionalizzazione dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, di concerto con la Regione Puglia – Coordinamento Politiche Internazionali, con il Programma di Cooperazione Interreg V-A Grecia –Italia, l’Ordine dei Giornalisti e l’Ordine dei Dottori Commercialisti della Regione Puglia, per conoscere le opportunità di crescita per il territorio pugliese attraverso la cooperazione e per fornire informazioni sulle principali regole di implementazione e gestione finanziaria ed amministrativa dei progetti finanziati nell’ambito del Programma.

 Le 7 progettualità, di cui 2 finanziate sull’Asse 1 Innovazione e Competitività e 5 sull’Asse 2 Gestione integrata dell’Ambiente, hanno un budget complessivo di quasi 1.400.000 euro e perseguono differenti finalità:

PALIMPSEST – Post Alphabetical Interactive Museum using Participatory, Space-Embedded, Story-Telling ha l’obiettivo di valorizzare il patrimonio culturale della Regione dell’Epiro e della Puglia attraverso l’uso multisensoriale e interattivo di installazioni artistiche; ERMIS – Earthquakes disaster management system si propone di delineare un sistema di gestione congiunto delle emergenze tra la Regione dell’Epiro e la Puglia, con la formazione di un sistema di assistenza e di volontariato; ILONET – Fostering capacities and networking of industrial liaison offices, exploitation of research results and business support, intende condividere skills, metodologie e rafforzare capacità e competenze per supportare la nascita di start-up e piccole e medie imprese; POLYSEMI – Park of literary travels of Greece and Magna Graecia, il cui obiettivo è lo sviluppo di una forma di turismo letterario attraverso la progettazione di itinerari turistici tra la Puglia e la Grecia, accessibili anche a persone diversamente abili; OCTANE – Open City TechNology Enabler ha l’obiettivo di sviluppare un’applicazione mobile che aiuti il turista a visitare una città come se fosse un museo all’aperto mettendo a disposizione in maniera semplice e veloce le informazioni di cui ha bisogno; SILVER WELLBEING- Silver Wellbeing – Promoting Silver tourism through valorization of MED-diet and wellbeing routes, si propone la realizzazione di percorsi del benessere basati sulla dieta e lo stile di vita mediterranea, rivolti ai turisti della Terza Età; MOBILAB – Strengthening innovation and competitiveness of dairy enterprises through Mobile Laboratories of quality control intende migliorare il controllo e la sicurezza nella produzione di latticini attraverso l’uso di nuove tecnologie.

“Il Programma Grecia-Italia ha finanziato, con la prima call 41 progetti, su 392 candidature pervenute per una totalità di circa 53.600.000 milioni di euro”. Ha dichiarato, Bernardo Notarangelo – Direttore del  Coordinamento Politiche Internazionali di Regione Puglia. “La nostra Regione cresce attraverso la cooperazione territoriale e la proficua collaborazione con i 191 partner coinvolti tra Regioni, Comuni, Università, Camere di Commercio, Autorità Portuali, Centri di Ricerca e Organizzazioni no-profit della Puglia e delle tre Regioni Greche che aderiscono al Programma”.

Il seminario del 21 maggio è accreditato dall’Ordine dei Giornalisti e dà diritto a n. 4 crediti formativi.

La partecipazione alla giornata del 22 maggio dà diritto al conseguimento di 4 crediti formativi per i Dottori Commercialisti.

La partecipazione al seminario dà diritto agli studenti del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione di un credito formativo pari a 0,25 CFU per giornata formativa.

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/05/18/universita-di-bari-e-la-cooperazione-territoriale
Twitter