fbpx

Politica incerta

Print Friendly, PDF & Email

Non vediamo ancora segnali di coerenza nella “linea” politica Di Maio/Salvini. Lo scriviamo con realismo. Anche se il giovane Esecutivo ritiene di poter raggiungere alcuni obiettivi efficaci. Tra polemiche antiche e rivendicazioni recenti, il Governo tenterà di fare il suo mestiere. L’Opposizione è, però, tornata astuta. Ne andava della sua sopravvivenza politica. Vedremo se alcune proposte parlamentari saranno più percorribili. Nonostante certi “attriti” di natura morale, più che politica, il Potere Legislativo sarà meno prolifico.

 L’Esecutivo continua per la sua strada con la speranza, non sempre condivisibile, d’arrivare, entro l’anno, all’attuazione di parte del suo “programma”. Intanto, i problemi del Paese si evolvono e si modificano. Ancora una volta, quando la politica s’imbatte con la realtà economica, gli effetti non sono positivi. Le riforme istituzionali si faranno. Però, quando? Certo non trascureremo alcuni segnali d’intolleranza che ci hanno messo sul chi vive. Questo Governo tenterà, comunque, di mantenere il suo posto; almeno sino a fine d’anno. L’alleanza Lega/5S intende conservare ben salda la sua egemonia; anche se le “tensioni” non sono da sottovalutare.

Dato che numeri ci sono, la Legislatura non corre imminenti pericoli. Intorno al quadro politico, c’è un Paese che tenta la ripresa. Ma la produttività stagna; l’occupazione registrerà ancora fasi in riduzione. Insomma, siamo ben lontani anche dal più cauto ottimismo.

L’autunno ci porterà qualche novità? Circa i contenuti del contratto Di Maio/Salvini, per ora, preferiamo non pronunciarci. In definitiva, il Governo ha da farsi conoscere. Ma, francamente, riteniamo che non ci saranno quelle novità enunciate in campagna elettorale. Nel Bel Paese non sarebbe una novità.

Giorgio Brignola

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/06/06/politica-incerta
Twitter