Arresti eccellenti per il nuovo stadio della Roma

ROMA – Nove arresti nell’ambito di un’indagine sulle procedure connesse alla realizzazione del nuovo Stadio della A.S. Roma. I carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Roma stanno dando esecuzione ad una misura cautelare emessa dal gip di Roma nei confronti di 9 persone (per 6 indagati è stata disposta la custodia cautelare in carcere, per 3 gli arrestidomiciliari) nell’ambito dell’indagine coordinata dalla procura della Repubblica capitolina, concernente un’associazione per delinquere finalizzata alla commissione di condotte corruttive e di altri reati contro la pubblica amministrazione. Sono in corso perquisizioni.

L’inchiesta riguarda una presunta associazione a delinquere finalizzata alla commissione di condotte corruttive e di una serie di reati contro la Pubblica amministrazione. La sindaca Raggi: ‘Chi ha sbagliato paghera’, noi per la legalita”.

L’inchiesta sullo Stadio della Roma che oggi ha portato a 9 arresti e che vede 27 indagati potrebbe portare allo stop dell’intero progetto modificato. Proprio ieri era scaduto il termine per presentare le osservazioni al progetto e si era fissata la scadenza per le controdeduzioni per le quali e’ stato dato un tempo di 30 giorni. A meta’ luglio sarebbe prevista la delibera col progetto variato da inviare alla Regione Lazio per l’ok definitivo. Ma ora arresti e indagini potrebbero imporre lo stop al progetto.

“Siamo in attesa di altre notizie da parte della procura, noi siamo dalla parte della legalita’, non ne so nulla chi ha sbagliato e’ giusto che paghi, non ho letto le carte”. Lo ha detto il sindaco di Roma, Virginia Raggi, nel corso del suo incontro con la stampa estera, rispondendo cosi’ a chi le chiedeva un commento sugli arresti di questa mattina legati allo stadio della Roma di Tor di Valle.

In Italia le leggi complicate “aiutano chi vuole fregare il Paese”, ci troppe complicazioni nel settore degli appalti, “lo stesso Codice degli appalti e’ complicato”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini intervenendo all’assemblea annuale di Confesercenti al Teatro Eliseo di Roma parlando di corruzione e prendendo spunto dall’inchiesta sul nuovo stadio della Roma calcio che questa mattina ha portato ad alcuni arresti. “Un Paese con leggi piu’ semplici e’ piu’ sicuro”, ha aggiunto Salvini, raccogliendo l’applauso dei delegati.

Print Friendly, PDF & Email