fbpx

“Veltroni con la scorta, chi paga?”, ma è gaffe per l’ex moglie di Grillo

Print Friendly, PDF & Email

“Veltroni a Rimini per girare un film…al ristorante con la scorta. Chi paga?”. A lanciare il quesito via Twitter è Sonia Toni, “pentastellata, animalista, vegana” come da descrizione social, nonché ex moglie del fondatore e garante del Movimento Cinquestelle, Beppe Grillo. Una domanda posta forse non a caso nel primo pomeriggio di ieri – in pieno scontro fra il ministro Salvini e il giornalista Savianosul tema – che tuttavia si è rivelata essere una gaffe per l’attivista M5S.

A rispondere con un tweet – dopo diversi commenti al ‘cinguettio’ di Toni che parlavano di sprechi di denaro pubblico e chiedevano che la scorta gli fosse tolta – è infatti lo stesso Walter Veltroni. Che però alla scorta ha rinunciato ormai anni fa: “Cara Signora – scrive l’ex segretario Pd -, ha sbagliato. Ha scambiato per scorta le persone che erano con me, per lavoro, a Rimini. Non ho la scorta, per mia immediata richiesta, da molti anni, dal giorno in cui ho smesso di avere ruoli pubblici. Volevo dirglielo”. “Forse – ha quindi replicato la pentastellata – il misunderstanding è partito perchè dietro a lei seduto stavano in piedi due ragazzoni dal fisico “armadio a muro”, cmq io ho posto una domanda legittima e la ringrazio per avere risposto”. Ma da Veltroni, stavolta, nessuna replica.

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/06/23/veltroni-con-la-scorta-chi-paga-ma-e-gaffe-per-lex-moglie-di-grillo
Twitter