Migranti e flessibilita’

Conte agita il veto. L’italia al bivio tra linea dura sui migranti e flessibilita’ 

Merkel lancia coalizione dei volenterosi

I 28 cercano l’intesa al vertice di Bruxelles sul principio di responsabilita’ condivisa sui migranti e sui movimenti secondari. Ma la strada e’ tutta in salita e la cancelliera Merkel lancia la ‘coalizione dei volenterosi’ in caso di fallimento, mentre l’Italia e’ pronta al veto sulle conclusioni del summit se non trovasse ‘nei fatti’ la solidarieta’ degli altri Paesi europei, dice il premier Conte. Due i tavoli della trattativa: migranti e flessibilita’. Intanto, Malta chiude i suoi porti alle operazioni delle ong. Stop alle navi Seawatch e Open Arms.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, difficilmente potra’ accettare conclusioni al Consiglio Ue che non affermino il principio che chi arriva in un Paese transfrontaliero dell’Unione europea arriva in Europa, ovvero una riforma del regolamento di Dublino. E’ quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi. Il premier in sostanza difficilmente potra’ accettare conclusioni che non ribadiscano la necessita’ di azioni e responsabilita’ congiunte degli Stati membri con riguardo agli sbarchi di migranti per effetto di operazioni di salvataggio, che non prevedano un cospicuo rifinanziamento del Fondo fiduciario per l’Africa e che non contemplino la necessita’ espressa di riformare il Regolamento di Dublino nonche’ una rapida attuazione entro l’anno di questi nuovi principi.

“Con Giuseppe Conte, ci stiamo mobilitando per trovare un accordo europeo sull’accoglienza dei profughi”. Lo scrive su Twitter il presidente francese Emmanuel Macron postando una foto che lo ritrae insieme al premier italiano Conte.

Print Friendly, PDF & Email