Interviste & Opinioni

Lo strazio di persone anziane nel IV Municipio a Roma

Persone anziane costrette a prendere l’autobus col caldo che fa, costrette a percorrere una strada stretta in salita senza marciapiedi, col rischio d’essere investiti dalla macchine che la percorrono nei due sensi, costretti a due – tre ore di attesa per recuperare che cosa? I bollettini del canone d’affitto che il IV Municipio da circa tre mesi non fa pervenire agli inquilini delle case popolari. La cosa che ti fa più rabbia è il silenzio. Non ti dicono perché non arrivano i bollettini come sempre a casa, non ti danno una spiegazione, non si degnano di inviare un avviso qualsiasi. E gli inquilini, temendo d’essere considerati morosi, devono sottoporsi allo strazio di andare a recuperare i bollettini presso gli uffici del Comune. Ti fa rabbia, dicevo, il silenzio. Nessuno sa nulla. Ma c’è un’altra cosa che mi fa morire dalla rabbia: che io alla signora che amministra la Capitale al ballottaggio (ci tengo a precisare: solo al ballottaggio) ho dato il mio voto. Non avrei mai immaginato di passare dalla padella alla brace.

Carmelo Dini


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE