fbpx

Chiara Corbella, come alcuni santi, aveva un’idea sbagliata di Dio

Print Friendly, PDF & Email

“Ringrazia e bacia dolcemente la mano di Dio che ti percuote”, è uno dei pensieri profondi di Padre Pio. Aveva un’idea sbagliata di Dio, Padre Pio. Tanti santi hanno avuto un’idea sbagliata di Dio. Se è vero ciò che racconta Tommaso da Celano, anche san Francesco era persuaso che fosse Dio a mandargli malanni. Anche san Francesco aveva un’idea sbagliata di Dio. Mi sono permesso di scrivere, sul blog “Come Gesù” che anche Chiara Corbella, nei riguardi della quale è stato aperto il processo di beatificazione, aveva un’idea sbagliata di Dio, ma ho suscitato una valanga di commenti, quasi tutti di disapprovazione. Non li leggo tutti e non rispondo a tutti, ovviamente, altrimenti passerei l’estate, la mia bella estate, al computer, anziché, senza far niente, neppure pensare, ascoltare il chiasso delle cicale, delle mie cicale. Friniscono pazze di gioia, le cicale, perché non sanno che moriranno prima che finisca l’estate.

Ho dato una scorsa qua e là ai 95 commenti e lo sguardo mi è caduto sulle parole seguenti: “Chiara Corbella non attribuì a Dio le malattie e la Chiesa non lo fa. Questa è una interpretazione decisamente arbitraria. È giusto documentarsi prima di scrivere”.

E così, sottraggo un po’ di tempo al mio dolce far niente, e rispondo. La mia affermazione che Chiara, come tanti santi, attribuiva a Dio le sue disgrazie, non è basata sul nulla, oppure su false notizie, ma su parole pronunciate o scritte da Chiara Corbella. Fu Chiara Corbella a dire alla madre:  “Se il Signore ha scelto questo per me, vuol dire che è meglio così per me e per quanti mi sono intorno. Perciò io sono contenta”. “Il Signore ha scelto questo per me”. Voleva dire un’altra cosa? E perché non la disse un’altra cosa, ma disse proprio quella cosa? Fu Chiara Corbella a scrivere al figlioletto: “Qualsiasi cosa tu faccia nella vita, non scoraggiarti mai, figlio mio: se Dio ti toglie qualcosa, è per darti di più”. “Se Dio ti toglie”. Voleva scrivere un’altra cosa? E perché non la scrisse un’altra cosa?

Perseguitata dalla cattiva sorte, poveretta, si vide morire due bambini subito dopo la nascita. Ed ecco che cosa scrisse a riguardo: “Il Signore ha voluto donarci dei figli speciali: Maria Grazia Letizia e Davide Giovanni, ma ci ha chiesto di accompagnarli soltanto fino alla nascita”. “Donarci… ci ha chiesto”. Voleva scrivere altro?  Che cosa c’entrava il Signore, che cosa c’entrava, il povero Signore, col concepimento di una bimba “speciale” cui fu diagnosticata, ancora nel grembo materno, un’anencefalia, e col concepimento di un bimbo “speciale” cui fu diagnosticata una grave malformazione viscerale alle pelvi con assenza degli arti inferiori? Doni graziosi del Signore? Pura follia. 

Cose che ti fanno una gran pena in questa storia, ma anche cose che, perlomeno a me, danno un grandissimo fastidio. Come può un uomo che vede la moglie soffrire, la moglie morire, come può chiederle: «Amore mio, ma davvero il giogo del Signore è dolce?». Si pensi se Maria l’avesse chiesto al Figlio agonizzante sulla croce. E come poté lei, mentre soffriva, mentre moriva, rispondere: «Sì̀, Enrico, molto dolce». Si pensi se così avesse detto Gesù al Padre, anziché gridare:  «Eloì, Eloì, lemà sabactàni».

 

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/07/25/chiara-corbella-come-alcuni-santi-aveva-unidea-sbagliata-di-dio
Twitter