fbpx

Macron: “Benalla non è il mio amante”

Print Friendly, PDF & Email

Sei giorni dopo l’esplosione della vicenda di Alexandre Benalla, il presidente francese Emmanuel Macron rompe il silenzio. Di fronte alla sua maggioranza parlamentare alla maison de l’Amérique latine, il capo dell’Eliseo, come riferisce ‘France24’, ha parlato per la prima volta pubblicamente del caso del suo ex collaboratore per la sicurezza ripreso mentre il primo maggio picchiava un manifestante indossando una fascia della polizia. “Alexandre Benalla – ha detto – non ha mai posseduto codici nucleari, Alexandre Benalla non ha mai occupato un appartamento di 300 metri quadri all’Alma, Alexandre Benalla non ha mai guadagnato 10mila euro, Alexandre Benalla non è mai stato il mio amante”. “Tutte queste cose abbiamo sentito, le dicono senza arrossire o interrogarsi parlamentari, commentatori o giornalisti… ma – ha sottolineato – dicono sciocchezze!”.

Macron si è quindi assunto la piena responsabilità in relazione alla vicenda. “Se cercano un responsabile, sono io, soltanto io”, ha detto. “Non si può essere capi – ha aggiunto – solo quando c’è bel tempo, se vogliono un responsabile, è davanti a voi, che vengano a cercarlo, rispondo al popolo francese”. Nel definire “un tradimento” il comportamento del suo ex collaboratore, il presidente francese ha detto ancora: “La Repubblica esemplare non impedisce gli errori. Se cercano un responsabile, l’unico responsabile sono io. Sono io – ha concluso – che ho dato fiducia ad Alexandre Benalla”.

Intanto è stato perquisito l’ufficio di Benalla all’Eliseo, alla presenza dell’ex capo della sicurezza del presidente Macron. Benalla è stato accusato per violenza durante la manifestazione del primo maggio. 

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/07/26/macron-benalla-non-e-il-mio-amante
Twitter