fbpx

Il rottamatore torna in campo con la clava

Print Friendly, PDF & Email

Renzi all’attacco: “Classe politica di cialtroni”

di Vincenzo Valenzi 

NEPI – Un fiume in piena come come un Ciclone a bombe negli Usa – prpchannel.com appare il vecchio rottamatore che ha ripreso la “Clava di Wilma” per fare ordine a partire da un tema chiave per la salute su cui tetragono afferma:

“Sui vaccini non si scherza. Siamo all’anno zero, all’abc. Su questi argomenti non può legiferare una classe politica di cialtroni.” Lo dice il senatore del Pd, Matteo Renzi commentando a Circo Massimo su Radio Capital la fiducia sul decreto che rinvia l’obbligo vaccinale. Sul tira e molla che si è registrato nella maggioranza di governo sulle norme contenute nel decreto Milleproroghe, l’ex premier sottolinea: “Chi ha votato contro l’obbligo vaccinale, va contro la salute dei nostri figli. Una classe politica che gioca sui vaccini è una classe politica di cialtroni”.

Dei quattromila bambini che non potrebbero accedere ai nidi nel solo Lazio perchè i genitori non sono convinti che 10 vaccini gli facciano bene e che vengono quarantenizzati https://torino.repubblica.it/cronaca/2018/09/11/news/torino_il_bimbo_no_vax_entra_all_asilo_ma_finisce_in_quarantena_lontano_dai_compagni_e_polemica-206150287/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P6-S1.8-T1 o razzistizzati dalle campagne del paladino desomarizzante,  all’ex Presidente del Consiglio non interessa molto anzi, con  il suo guru vuole tenere fuori dalle scuole gli untorelli non vaccinati e togliere la patria potestà ai cretini, somari e ubriachi al volante, che minacciano con il loro oscurantismo e con la loro irresponsabilità culturale e scientifica, la salute dei loro bambini e dell’immunità di gregge in particolare di quello immunodepresso ,http://www.adnkronos.com/salute/2018/09/11/ira-burioni-togliere-potesta-genitoriale-vax_42dYyWpuseHKnfYrT00GlM_amp.html?__twitter_impression=true .

L’enfant prodige di Rignano, nel suo attacco colpisce a 360 gradi e così parte con gli affondi contro il governo M5s-Lega. Con Danilo Toninelli che “è un bugiardo e un ministro bugiardo deve dimettersi“. Il pretesto sarebbero le pressioni sul caso Autostrade denunciate dal ministro delle Infrastrutture: “La mail di Aiscat risale a gennaio 2018, ma il ponte è crollato ad agosto”. Beccato il Danilo bugiardo. Colpisce del Rottamatore lo slancio morale che lo spinge a chiedere a ‘Wilma, passami la clava”.

Comunque a proposito di bugie ministeriali al rottamatore con la clava gli debbono essere sfuggite quelle della sua ministra della Salute On. Beatrice Lorenzin che possiamo proporre oltre che per la Santità (ha abbattuto miracolosamente la mortalità per Morbillo ai minimi termini passando dalla sola Londra Inghilterra con 235 morti di media all’anno nel 2013/14 https://youtu.be/gSasDe-Xf9o ai 35 morti per morbillo nel primo semestre del 2018 in tutta Europa) anche per il Palmares della sparatrice di bugie, ben assistita scientificamente dai suoi sherpa di guerra ovviamente, operanti in esclusive aree desomarizzate.

Che le vaccinazioni creino qualche problema di salute ai vaccinati non solo agli infanti https://www.ilfattoquotidiano.it/2014/11/28/vaccino-esavalente-documento-riservato-glaxo-cita-lautismo/1238942/ ma anche giovani fanti e ai leoni della folgore come raccontò il prof. Nobile a valle della Commissione d’Inchiesta sulla salute dei Militari alle prese con l’Uranio Impoverito e con le vaccinazioni pre missioni http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2012/10/06/news/vaccini-44012069/ , al rottamatore e ai suoi superconsiglieri scientifici pare interessare poco.

Anche che, spesso dopo la vaccinazione i bimbetti vaccinati possono spargere l’infezioni anche ai compagnetti immunodepressi pare sfuggire ai superscienziati di guerra http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/scienza/2013/12/02/Vaccino-pertosse-puo-spargere-infezione_9714114.html

Su una cosa non posso che essere d’accordo con il giovane rottamatore “Il tempo è galantuomo ma ci arriveremo”. Infatti dopo la vittoriosa campagna di guerra vaccinica che portò alla conversione del decreto legge Lorenzin adesso si rivede tutto ciò che nelle notti agitate fu fatto di somma urgenza con un normale iter parlamentare http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/vaccini-ministro-grillo-depositato-ddl-superare-decreto-lorenzin-5d2fe14a-8644-487d-ab87-eb90061756aa.html e si auspica con una rivalutazione dello stato dell’arte scientifico sui vaccini che tenga conto degli studi internazionali indipendenti https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=289855561651519&id=122178805085863 , delle esperienze maturate nei vari Paesi civili più o meno come l’Italia, che sarebbe bene smettere di offendere con la presunta irresponsabilità degli italiani che non capiscono il bene e il male http://www.corrierenazionale.net/2018/09/04/garattini-presidi-cultura-e-scienza-vaccinic/ e quindi c’è bisogno di maestri come Guerra, Lorenzin, Burioni (R), Poggiolini, De Lorenzo, ecc o come gli altri mastri di scienza biologica che hanno creato la CUPOLA VACCINI VETERINARIA http://m.espresso.repubblica.it/inchieste/2014/07/14/news/la-cupola-dei-vaccini-1.173240

Nell’articolo sul Fatto Quotidiano viene riportato ancora come:

L’ex presidente del Consiglio non risparmia critiche anche a Matteo Salvini: “L’immigrazione è diventato l’unico problema, nessuno parla più di Flat tax, della Fornero, reddito di cittadinanza non pervenuto”. Mentre, accusa il senatore di Rignano, “con una scommessa sulla paura hanno fatto credere di poter governare l’Italia, hanno preso 150 poveretti in una nave della Guardia costiera e l’hanno bloccata, dicendo che bloccano l’immigrazione”.

Poi è tornato a ironizzare sulla vignetta con il capo del Viminale ed Emmanuel Macron, pubblicata sulla copertina di The Spectator, dove il leader della Lega è ritratto come un troglodita: “Questa è l’immagine che stiamo dando dell’Italia nel mondo: .

Mi rendo conto che il giovane rottamatore rottamato rignanese subisca il fascino discreto del parigino Emanuel, con cui aspirerebbe a creare un fronte europeo antipopulisti e chissà, una nuova aggregazione europea che superi gli ultimi rottami socialisti del Novecento malriuniti nel PSE, e quindi goda alla grande delle ironie galliche sul suo rivale padano. Ma abbracciare troppo Emanuel può essere pericoloso non solo per la virtù, ma anche per tante altre esperienze durante le quali gli italiani e i nuovi migranti hanno avuto modo di godere pochissimo, dalla catastrofe libica creata dai MIG dell’Eliseo di Nicolas e oggi di Emanuel, alle molto umanitarie imprese della legione sul vecchio confine non schenghen di Ventimiglia dove con grande senso dell’Umanità invece di tagliare i piedi ai migranti vengono solo tagliate le scarpe.. https://www.repubblica.it/cronaca/2018/06/15/news/oxfam_polizia_francese_bambini_migranti-199062256/

Da sconsigliare alla prossima Missione ONU che viene a ispezionare lo stato dei diritti umani in Italia. Non vorremmo spendere soldi pure per le scarpe degli ispettori.

 

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/09/14/il-rottamatore-torna-in-campo-con-la-clava
Twitter