fbpx

A proposito del muro nel Sahara di Trump

Print Friendly, PDF & Email

Dopo la Caduta del Muro di Berlino, avevamo sperato che le separazioni tra Stati e tra Popoli fossero finite. Con Schenghen l’Europa ha poi assunto un volto di Unione degli Stati Europei con la libera circolazione di persone e merci e l’Euro divenire moneta unica di scambio in larga parte della Vecchia Europa finendo la pratica equivoca dei cambi che rimane solo per altre monete extraeuropee.

Non sono mai mancate le rivalità tra Stati europei anche con sgambetti non proprio densi di Fair Play, come l’attacco dei Mig francesi a Tripoli e relativa richiesta di solidarietà anche all’Italia, per “liberare la Libia dal Dittatore”, che di fatto ha bombardato i suoi stessi pozzi petroliferi (il 63% dei pozzi libici era dell’ENI).

Caduta di Fair Play dei cugini gallici dell’Eliseo e dintorni che si é brillantemente esercitata anche sul tentativo del nuovo Governo Giallo Verde di frenare l’invasione subsahariana di disperati disorganizzati sotto la ferra vigilanza della Legione Straniera, in concorrenza con il Fair Play morale dei fratelli spagnoli che sulla vicenda della Nave Acquarius che non fu fatta approdare nei porti italici e fu accolta a Valenzia espressero anche loro commenti sarcastici umanitari verso l’Italia e gli italiani contro cui poi sono riusciti a organizzare una Missione ONU per controllare lo stato dei diritti umani nel Belpaese e dell’emergente razzismo tricolore.

Dopo i primi entusiami umanitari del governo socialista spagnolo di Sanchez (che aveva raccolto come già per Macron gli applausi entusiastici dei democratici antirazzisti italiani, abbiamo avuto i respingimenti poco umanitari delle masse di migranti che avevano superato i confini dello stretto di Gibilterra e rinviati con le cattive in Marocco e oggi il più grande Sovranista della terra Donald Trump, dopo aver rilanciato il Muro sulla Frontiera del Messico, nella sua grande sapienza politca militare nazionale e internazionale ha proposto furbescamente agli europei, per bloccare i migranti africani, un MURO NEL SAHARA di cui trovate i tragicomici dettagli nell’articolo sul Sole

https://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2018-09-20/trump-all-europa-fermare-migranti-costruite-muro-sahara-111043.shtml?uuid=AEZYKs2F .

I toscani di Maremma Maiala avevano intuito e raccontato un modello simile di muro imposto da un Trump Sindaco di Firenze tra appunto Firenze e Prato https://www.youtube.com/watch?v=49vzL-emyJ8 . Gli era sfuggito solo che comunque già c’è e costa 70 centesimi di euro per rifornire atlantia e i suoi bisogni miliardari con cui festeggiare a ferragosto e con il resto ci ricostruisce il Ponte Morandi e i parcheggi non grillizzati, trascurati lungo decenni di non efficientissima (per i cittadini non sovrani) gestione della rete autostradale, ma altamente redditizia per Benetton e soci in accordi paragovernativi da foresta come raccontò la Gabanelli nel lontano 2004 a Report con la vittima milanese di tre monti, che aveva osato resistere a tanta efficienza reddituale atlantica.

Ma oramai con l’avvento al potere dei barbari gialloverdi, la preoccupazione nelle Cancelleria europee e a Bruxelles é tanta, come si evince anche dalla campagna per la difesa della democrazia e dei diritti umani dei migranti minacciati dal risorgente sovranismo in primis Orbanista e poi salvinista, da mettere all’angolo con azioni varie dalle sanzioni all’Ungheria

http://m.ilgiornale.it/news/2018/09/12/migranti-juncker-chiede-ancora-solidarieta-i-nazionalisti-distruggono-/1575014/ alla campagna giudiziaria ONU e in particolare sicula, per arrestare l’orda leghista razzista che minaccia i diritti umani dei desaperasidos della diciotti sequestrati dal Ministro dell’Interno Gialloverde http://www.corrierenazionale.net/2018/09/01/dalla-via-giudiziaria-al-socialismo-alla-via-giudiziaria-alla-democrazia-europea/

A fronte del dilagare sovranista in Italia e non solo, le menti più eccelse democratiche da Massimo Cacciari ad altri, scendono in campo per analizzare il fenomeno che di fatto appare essere dalle analisi che leggiamo, come uno dei prodromi di nuovi fascismi che avanzano http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2018/09/17/che-cose-il-sovranismo/ e non una reazione al degrado globale in cui va precipitando il Belpaese sempre più in mano a masse di mantenuti senza arte ne parte che spadroneggiano lungo lo Stivale come denunciato , voce nel deserto democratico, dal Presidente della Campania che di problemi di Criminalità ulteriori non sentiva particolare bisogno http://www.imolaoggi.it/2018/09/11/pd-de-luca-bande-di-nigeriani-hanno-occupato-militarmente-i-territori/ .

Ma De Luca è un democratico sui generis, notoriamente poco fine che parla come mangia, e non è fine come i filoparigini romani che osannano Emmanuel con cui pensano di fidanzarsi per fare una nuova famiglia politica europea oltredemocratica antirazzista europeista. Peccato che a Ventimiglia le cose non vadano benissimo e i livelli umanitari raggiunti li vorrei segnalare alla Missione mandata dalla Presidentessa Bachelet per verificare quante scarpe sono rimaste per i bambini migranti e magari comprargliene qualche paio come azione umanitaria seria e concreta al di là della chiacchiere macroniste umaniste

https://www.repubblica.it/cronaca/2018/06/15/news/oxfam_polizia_francese_bambini_migranti-199062256/ .

Poi mi permetto di segnalare alla missione umanitaria dell’ONU di andare a verificare lo stato dei diritti umani dei bambini italiani esclusi dalle scuole d’infanzia perchè considerati sospetti untori portatori di malattie mortali per gli immunodepressi e non solo https://www.ilmessaggero.it/roma/cronaca/scuole_caos_vaccini_quattromila_bambini_sotto_osservazione-3952715.html

Cominciano ad essere minacciate anche i diritti umani dei medici che come i bambini non vorrebbero vaccinarsi e qualche volte sono stati già radiati come il vecchio Miedico di Milano e il giovane Gava di Padova che qualche diritto umano lo avrebbero pure loro https://www.corrierenazionale.it/2018/08/11/vaccini-pro-vax-e-no-vax-interviene-il-prof-tirelli/

Abbiamo su questi temi letto che l’epidemia di Morbillo che minaccia l’Europa si estende preoccupando le autorità sanitarie e politiche alle prese con nuove politiche vaccinali http://www.dottnet.it/articolo/25462/il-morbillo-continua-a-preoccupare/?tag=10615148732&tkg=1&cnt=1

Comunque poco o niente rispetto ai 470 morti di morbillo di Londra Inghilterra nel 2013/14 denunciati dall’ex ministro della salute on Beatrice Lorenzin quando nel primo semstre del 2018 in tutta l’Europa sarebbero morti solo 37 persone di morbillo. Un autentico miracolo di cui ringraziare santa Beatrice o una truffa mediatica a danno degli italiani organizzata dagli sherpa di guerra https://youtu.be/gSasDe-Xf9o

La domanda è stata posta in diverse Procure della Repubblica e da queste pagine direttamente anche al Capo della Procura di Roma che già indaga sulla CUPOLA VACCINI veterinaria. Ma pare che l’appello del Presidente della Repubblica non venga colto in pieno dall’Autorità Giudiziaria che pare considerare alcuni casi come casi di Guerra, in cui la giurisdizione è sospesa , o almeno così pare, in sfregio al dettato Presidenziale che nessuno cittadino è al di sopra della legge

http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2018/09/12/mattarella-nessun-cittadino-e-al-di-sopra-della-legge_5af0bbaa-70cc-45a5-be08-57d3a413b572.html .

Ci piacerebbe molto sbagliare con queste sensazioni tristi, e contiamo di essere presto smentiti, visto anche la determinazione di alcuni settori della Giustizia che colpiscono duramente i violatori vari e avariati della legge, dal Celeste che si fa comprare con cene e bagni in alto mare, ai sequestratori moderni diciotti, agli scambisti di voti imprudenti del regno delle due sicilie, ecc.ecc. Con tanto di scioglimenti continui di consigli comunali a Lamezia Terme che non sembra trovare né pace né giustizia http://www.corrierepl.it/2018/09/18/ricordando-un-grande-socialista-calabrese/

Ci piacerebbe maggiore amore per la verità e per il Bel Paese che dalla V Potenza mondiale, sembra precipitare verso i fondi della classifica, con il rischio di essere escluso da falliti, dalla Europa e dal gran mondo del G20, mentre le piccole e medie imprese falliscono e gli imprenditori piccoli e grandi si suicidano strangolati da equitalia che deve trovare i soldi per gli atlantici e per i guerri vari più o meno glaxati mentre tra un superticket , una bella assicurazione e un ricco contributo ad autostrade per l’italia di atlantia, uno generoso finanziamento montepasco o etrurico agli amici degli amici che poi paghiamo nel bilancio nazionale, il sistema economico e socials italiano affoga nello sconcerto sinistro per la prossima sanatoria delle tasse alle piccole imprese ancora sopravvissute. Perché la lotta all’evasione fiscale  e la lotta contro i nuvolari della strada, deve essere durissima, per mantenere i profitti dei glaxo poggiolini, atlantici e romei vari oltre gli stipendi  pensioni d’oro  di cotanto managment pubblico e privato italico da superfurbetti del quartierino tricolore…

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/09/21/a-proposito-del-muro-nel-sahara-di-trump
Twitter