fbpx

 Le ingiuste parole pronunciate dal Papa della misericordia

Print Friendly, PDF & Email

“È giusto fare fuori una vita umana per risolvere un problema? Non si può, non è giusto far fuori un essere umano benché piccolo per risolvere un problema, è come affittare un sicario”. Così Papa Francesco a Piazza San Pietro. Ma sono giuste le parole del Papa? E’ giusto mettere sullo stesso piano milioni di donne che fanno ricorso alla pratica dell’aborto e l’assassino che ricorre ad un sicario per uccidere? Ed è giusto definire un embrione “essere umano piccolo”? Non si bara un po’ con le parole? Intanto sostituiamo “vita umana” con “embrione”: “E’ giusto liberarsi dell’embrione per risolvere un problema?”, ed è evidente che la frase è ancora sbagliata, giacché sembra che il problema non riguardi l’embrione. Mi libero dell’embrione per risolvere un problema. Ma non è così. Mi libero dell’embrione perché l’embrione è il problema,

E’ l’embrione, in certi casi, a sconvolgermi l’esistenza. Io non so se le parole ingiuste del Papa della misericordia, serviranno ad evitare qualche aborto. Non posso saperlo. So però con certezza che molti giovani si sono allontanati dalla Chiesa a causa di parole analoghe da parte di preti e papi e cardinali. Alle volte si sono allontanati da Dio.

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/10/14/le-ingiuste-parole-pronunciate-dal-papa-della-misericordia
Twitter