Storia

 Iscrizione su un muro cambia la data dell’eruzione di Pompei

 Forse fatta da un operaio. Accadde in ottobre e non in agosto 

Un’iscrizione a carboncino venuta alla luce dagli scavi nella Regio V sposta da agosto ad ottobre la data dell’eruzione del Vesuvio che distrusse Pompei. L’iscrizione potrebbe essere stata fatta da un operaio sul muro di una stanza in ristrutturazione, all’interno di una frase scherzosa,spiega il direttore generale Massimo Osanna. La scritta e’ datata al sedicesimo giorno prima delle calende di novembre, il 17 ottobre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE