fbpx

 Lite nel governo sul decreto fiscale, lo spread a 325 punti

Print Friendly, PDF & Email

Governo in bilico, conte impone cdm, ma la lega boicotta salvini apre in serata, se serve ci saro’ 

Il governo sfiora la crisi sul dl fisco. Dopo il caso della “manina” sul condono, il nodo della pace fiscale resta ed e’ tutto politico. Il M5S chiede un nuovo consiglio dei ministri ma per la Lega ogni nuovo vertice e’ inutile. In serata, pero’, Matteo Salvini in tv fa un leggero passo indietro e spiega che “se serve ci saro’”. Un nuovo cdm potrebbe essere convocato per sabato, dopo il rientro del premier Giuseppe Conte da Bruxelles.

Governo in bilico sul decreto fiscale. M5s chiede un secondo Cdm per cambiare le norme sul condono, la Lega sorpresa da quelle sulla Rc Auto. Ma Salvini chiude alle modifiche e alla nuova riunioone. ‘Il testo resta com’e”, dice. A fine seduta lo spread balza a 325 punti, ai massimi da marzo 2013. Moscovici porta a Tria la lettera con la bocciatura europea per i numeri della Legge di Bilancio. Dopo il vertice di Bruxelles, Merkel chiede che l’Italia dialoghi con la Commissione, mentre Juncket chierisce che Roma non avra’ altra flessibilita”. Duro il cancelliere austriaco Kurz: ‘Nessuna comprensione per l’Italia’.

Conte: ‘Il presidente sono io e lo convoco io, non so se Salvini verra’, e’ in campagna elettorale’. La Lega sorpresa per Rc Auto: ‘Norma mai condivisa. Non esiste problema aumenti assicurazioni al Nord’. ‘Misure lette e discusse’, la replica dei 5Stelle. Alta tensione sui mercati. Lo spread balza a 325, massimi dal marzo 2013. Aumentano ancora i rendimenti. Piazza Affari chiude a -1,89%.

“Al di la’ di tutto quello che e’ stato detto sul testo, adesso il tema e’ politico e per me se il tema e’ politico ha bisogno di un chiarimento politico, quindi la sede giusta e’ il Consiglio dei ministri, ma possiamo anche fare un vertice prima”. Lo ha affermato il vice presidente del Consiglio, Luigi Di Maio, a Figline Valdarno, dove ha incontrato i lavoratori della ‘Bekaert’. “Voglio dire – ha aggiunto – che lo Spread e’ a 327 per una sola ragione, perche’ i mercati pensano che questo Governo non sia piu’ compatto, e come abbiamo dato grandi dimostrazioni di compattezza nell’affrontare il superamento della Fornero con quota 100, nel rimborsare i truffati delle banche, istituendo la pensione e il reddito di cittadinanza, troviamo il punto di incontro. Ma noi non possiamo assolutamente votare un condono che crea uno scudo penale per chi evade”.

Dopo aver raggiunto 328-329 punti, lo spread tra Btp e Bund tedeschi ha ripiegato fino a chiudere a 325 punti, secondo i dati della piattaforma Mts. Un livello visto l’ultima volta a marzo 2013 e quindi ai massimi da cinque anni. Il rendimento del decennale si è fermato al 3,68%.

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/10/19/lite-nel-governo-sul-decreto-fiscale-lo-spread-a-325-punti
Twitter