fbpx

Doppo er fattaccio de San Lorenzo

Print Friendly, PDF & Email

“Ma tu, Signore, scusa si me permetto, c’hai l’occhi mprosciuttati? Nun vedi le infamie e i guai che succedeno ner monno?”
“E che ce posso fa’ fijo mio bello? A l’omo ch’ho dato la libbertà. Pò fa er bene e pò far er male, che nun ce lo sapevi?”
“Scusa, scusa, Signore, si me permetto ancora, ma nun ce potevi dà la libbertà de fa’ solo er bene? Hai visto che ber monno t’è venuto fòra co’ la libbertà de fa’ er male?”
“E che ce posso fa’ fijo mio bello?”
“Come, che ce posso fa’. Ma nun te chiameno er Padr’onnipotente?”
“Fijo mio, nun capisci che ‘na vorta data la libbertà, nun se pò levà?”
“La libbertà, la libbertà… me nun vedì che effetto fa la libbertà a certe bestie? Hai sentito der fattaccio de San Lorenzo? De la regazzina drogata, stuprata, ammazzata?
“Me fa pena, tanta pena, ma… che ce posso fa’ fijo mio bello?”
“Gnente ce poi fa’, ho capito, gnente ce poi fa’, ma lo voj, Signore mio, un consijo che me parte dar core?”
“Dimme, fijo, dimme tutto”
“Sai che te dico, mio Signore? Sto’ monno è ‘na rovina, ‘na schifezza, nun se ne pò più. Hai sbaijato? E mò arifallo tutto daccapo!”

Renato Pierri

P.S. Chiedo scusa per il romanesco non perfetto

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/10/26/doppo-er-fattaccio-de-san-lorenzo
Twitter