fbpx

Lord Dahrendorf prevedeva l’euro e si augurava non si realizzasse

Print Friendly, PDF & Email

Alcuni studiosi illuminati e previdenti fin da subito riuscirono a cogliere le incongruenze del costrutto dell’euro Fra questi  Lord Ralf Dahrendorf,  Commissario Europeo, Docente alla London School of Economics, notissimo sociologo e scienziato politico.

Con grande lucidità in questa lunga intervista a Der Spiegel del 1995  nella quale presenta l’illusorietà di un costrutto che vorrebbe fare dei singoli paesi una sola superpotenza, presentandone i grandi limite economici e sociali. Nonostante i 20 e più anni passati le osservazioni sono fresche come dette oggi. Purtroppo Dahrendorf morì nel 2006.

SPIEGEL: Lord Dahrendorf, il treno europeo fa fatica a partire. Scioperi contro le politiche di austerità in Francia, impulsi di nazionalismo di mercato in Germania – il progetto di unione monetaria sta esplodendo?

Dahrendorf: non penso che sia già scoppiando, ma il dubbio cresce. I problemi in Francia mostrano che i termini di adesione, voluti e fatti rispettare dai tedeschi, fanno precipitare gli paesi in grandi difficoltà.

SPIEGEL: Non era prevedibile? La politica di austerità è il prezzo che gli Stati con scarsa disciplina di bilancio devono pagare per raggiungere l’unione monetaria.

Dahrendorf: Il progetto Monetary Union educa i paesi al comportamento tedesco, ma non tutti i paesi vogliono comportarsi come la Germania. Per l’Italia, le svalutazioni occasionali sono molto più utili dei tassi di cambio fissi, e per la Francia una spesa pubblica più alta ha molto più senso della rigida aderenza a un criterio di stabilità che avvantaggia la Germania sopra ogni altra cosa.

SPIEGEL: Ciononostante, la Francia deve essere nell’euro e gli italiani si sentirebbero umiliati se  fossero estromesi. Ecco perché, nel bene o nel male, cercano di accogliere le idee tedesche.

Dahrendorf: Esatto. Ma il prezzo è molto alto e potrebbe presto rivelarsi troppo alto: psicologicamente, politicamente ed economicamente. Il trattato di Maastricht non è mai esistito prima  in Europa, il dubbio e le domande sono state presenti fin dall’inizio. Alla conclusione del patto la persona più felice era il primo ministro inglese, perchè aveva concordato la sua non patecipazione.

SPIEGEL: In Germania, all’epoca prevalse il fatto che Maastricht era il prezzo da pagare per la riunificazione.

Dahrendorf: è sempre stato un errore fatale. Perché abbiamo davvero bisogno di un’Unione Europea sempre più forte? Non c’è quasi nessuna altra risposta nella maggior parte dei paesi: coinvolgere la Germania. Stranamente, questa è anche la risposta tedesca, almeno quella del cancelliere e, incidentalmente, anche del suo predecessore Helmut Schmidt.

SPIEGEL:  non è forse avere  fiducia in se stessi?

Dahrendorf: Questa enorme sfiducia nei confronti della propria stabilità mi ha sempre stupito. Se la Germania è va alla deriva ed allenta i propri legami con la democrazia per prendere destinazioni egemoniche questo è dovuto a fattori interni, non ai propri legami esterni.

SPIEGEL: Maastricht, come scrisse una volta il francese Figaro, è una specie di trattato di Versailles  raggiunto con altri mezzi? In questo caso avrebbe delle basi molto deboli.

Dahrendorf: Sobbiamo pensare ad una una sorta di matrjoska russa : L’amicizia franco-tedesca si inserisce perfettamente nella Comunità europea, che si inserisce perfettamente nella alleanza atlantica, e si traduce in prosperità e sicurezza. Questa era comunque la teoria. Non bisogna mai dimenticare che anche Konrad Adenauer diffuse pubblicamente le sue preoccupazioni sulla Germania. L’aspirazione a essere integrati con la Germania porta davvero a brutte immagini. Ecco perché è disastroso che venga ora alla ribalta: alimenta il risentimento su tutti i lati.

SPIEGEL: un pericolo interno non è visibile in Germania. Il persistente sospetto dei vicini è solo una paura dei fantasmi del passato?

Dahrendorf: Sono d’accordo sul fatto che non ci sia un vero motivo per questi sospetti. La Gran Bretagna, a parte la signora Thatcher, non è il paese in cui la paura delle deviazioni tedesche è particolarmente pronunciata. In Italia, in Francia, invece,  è uno dei motivi dominanti della politica. La possibilità che la Germania possa diventare un tipo molto diverso di potere, ancora una volta, è basato sulla storia – ma anche dal desiderio della Germania di imporre sugli altri le proprie esperienze positive come utili, ma non è sempre così,

SPIEGEL: Quindi la Germania è tentata di praticare una egemonia gentile e benevola?

Dahrendorf: è un’ottima espressione. Certo, è meglio  trattare con la Bundesbank al posto dello Stato maggiore dell’esercito imperiale del Kaiser Guglielmo.

SPIEGEL: Che ne sarà dell’Europa se l’unione monetaria fallirà? Sarebbe un dramma,  e la UE si troverebbe indifesa ed in disgrazia?

Dahrendorf: ti dirò: se l’unione monetaria si rompesse, se un paese chiave – Francia o Germania – non aderisse, sarebbe un grande sollievo. Sarebbe piuttosto simile al 1954 quando, in pratica, nessuno volle la Comunità Europea di Difesa e tutti furono sollevati  il giorno in cui fallì nell’Assemblea Nazionale Francese.

SPIEGEL: Tuttavia, ci sarebbe molte voci pubbliche di lamentala. Tutta pura ipocrisia?

SPIEGEL: posticipare l’unione monetaria significherebbe comunque farla morire lentamente.

Dahrendorf: Sì, ma ma resterebbe comunque il focus su un obiettivo sbagliato. L’unione monetaria è un grande errore, un obiettivo avventuroso, imprudente e sbagliato che non unifica, ma divide l’Europa.

SPIEGEL: Ma l’obiettivo è quello della convergenza.

Dahrendorf: Non è possibile che ciò accada  perché le culture economiche sono troppo diverse. Pertanto, ci saranno paesi “in” e “Out” perché in nessun caso, come sta accadendo, tutti i 15 membri attuali dell’UE, figuriamoci tra poco più di 18 o più di 20,  parteciperanno all’unione monetaria. Ciò crerà diversi equilibri di potere  con conseguenze ben oltre la politica economica e finanziaria. Quelli che ci sono dentro lavoreranno naturalmente molto più da vicino e decideranno anche chi può unirsi a loro.

SPIEGEL: Il completamento del mercato unico senza l’unione monetaria è concepibile?

Dahrendorf: non c’è consenso tra gli uomini d’affari. Alcuni la considerano molto più pericolosa se alcuni Stati formano un’unione monetaria e altri mantengono la possibilità di svalutazione e quindi ottengono vantaggi dall’esportazione.

SPIEGEL: considera obsoleto l’approccio precedente di  creare vincoli economici al fine di far progredire politicamente l’Europa?

Dahrendorf: questa procedura è sempre stata un grosso pericolo. In me vedete un europeo che non crede in Jean Monnet e certamente non in Walter Hallstein, un europeo che ha sempre affermato che le questioni politiche devono essere decise politicamente. La convinzione che l’UE sia come una bicicletta che funziona o cade è un’assurdità da far rizzare i capelli. Nessuno direbbe che la NATO è come una bicicletta che richiede una pedalata continua.

SPIEGEL :. , , ciò significherebbe pensare a innovazioni sempre nuove.

Dahrendorf: Significa che non si reagisce alle esigenze della situazione reale, ma si crea un proprio ritmo autonomo  e solo le organizzazioni artificiali lo fanno.

SPIEGEL: Tuttavia, lo scoraggiamento sarebbe così grande dopo una fallita unione monetaria che gli sforzi per ottenere una maggiore integrazione potrebbero completamente disintegrarsi.

Dahrendorf: Ecco l’errore: abbiamo messo tutte le uova in un solo paniere con il trattato di Maastricht. Questo errore deve essere corretto. Talvolta sono tentato di formare un gruppo privato per pensare ad un”Europa senza unione monetaria.

SPIEGEL: Qual è la sfida più importante per l’Europa, se non l’unione monetaria?

Dahrendorf: la riforma intelligente dello stato sociale. Questo è un argomento davvero vitale che risale alle radici della cultura europea e del nostro mondo di vita.

SPIEGEL: Le rivolte in Francia annunciano tensioni future?

Dahrendorf: Prima di tutto, ci sono enormi differenze in Europa. Qui nel Regno Unito, in una certa misura, abbiamo già le condizioni americane.

SPIEGEL: La signora  Thatcher le  ha introdotto senza pietà.

Dahrendorf: In tutta Europa abbiamo raggiunto il punto in cui abbiamo una nuova connessione tra impegno della comunità e partecipazione individuale, senza distruggere la coesione sociale come è avvenuto qui. L’Inghilterra e il continente europeo hanno esattamente problemi opposti: l’Inghilterra è competitiva, ma ha ampiamente distrutto la coesione sociale, quasi la propria comunità dei cittadini. Il continente ha una forte coesione sociale ma rischia di perdere competitività internazionale. La domanda è: non c’è un modo migliore rispetto a quello inglese o tedesco?

SPIEGEL: E qual è la tua risposta?

Dahrendorf: la combinazione di competitività, coesione sociale e libertà politica sembra purtroppo  la quadratura del cerchio.

SPIEGEL: I populisti di destra come Jörg Haider in Austria o Jean-Marie Le Pen in Francia sfruttano la crisi del welfare state per i loro scopi?

Dahrendorf: Il più grande pericolo per l’Europa è che sempre più persone diranno: sacrifichiamo un po ‘di libertà politica; andiamo verso  Singapore e  laMalesia. In realtà è terribile che i giovani che si comportano abbastanza bene vengano picchiati e puniti perchè hanno butato un chewing gum o graffiato una macchina. Ci sono accenni a qusto percorso anche con persone come Silvio Berlusconi o Rupert Murdoch. Pertanto, mi aspetto un attacco al liberalismo politico in Europa.

SPIEGEL: Lo smantellamento dello stato sociale sarebbe più facile da affrontare se la disoccupazione non fosse così elevata. L’Europa non sosterrà la competizione globale a lungo termine?

Dahrendorf: Alcuni raccomandano la via americana: una flessibilità pressoché illimitata nel mercato del lavoro, che porta a un numero crescente di lavoratori poveri, persone che hanno un lavoro, ma che non guadagnano abbastanza per vivere decentemente.

SPIEGEL: Pensi che questo sviluppo sia inevitabile?

Dahrendorf: Nel Regno Unito abbiamo già più donne impiegate che uomini. Uno dei principali problemi sociali è che i giovani non sono disposti ad accettare i lavori part-time e i contratti a tempo determinato che le donne accettano. Si aggirano e mettono in pericolo la legge e l’ordine, il che porta a reazioni autoritarie. Il problema dei giovani arrabbiati potrebbe presto interessare anche altri paesi europei.

SPIEGEL: In Francia, la disoccupazione giovanile è già lì, al 25%.

Dahrendorf: Sì, le carriere nel senso classico esisteranno solo per circa il 30 percento dei diplomati /laureati di ogni anno. Stiamo vedendo ora che sempre più laureati cercano da molto tempo e quindi devono adattarsi a non avere una carriera di fronte a loro, ma muovendosi costantemente solo di lato.

SPIEGEL: L’Europa potrebbe diventare capace di agire in politica estera? Senza una politica estera e di sicurezza comune, l’obiettivo dell’unione politica rimane illusorio.

Dahrendorf: Dobbiamo stare attenti a inseguire chimere. Una politica estera comune che cerchi di coinvolgere tutte le aree di interesse è stravagante. Se la Germania vuole riunirsi, si unisce. Se l’Inghilterra vuole intraprendere una guerra nelle Falkland, intraprenderà una guerra nelle Falkland. Se la Francia vuole fare test nucleari, farà test nucleari. Nessun voto di maggioranza nel Consiglio europeo impedirà a questi Stati di fare ciò che considerano un interesse nazionale.

SPIEGEL: Come può l’Europa, tuttavia, guadagnare più peso nelle relazioni internazionali?

Dahrendorf: In due regioni, dovrebbe essere possibile definire interessi e azioni comuni: nella regione mediterranea e nell’ex Unione Sovietica.

SPIEGEL: Questo significa ancora diplomazia con il libretto degli assegni. L’Europa è accolta solo come un pagatore?

Dahrendorf: Non sto parlando di piani Marshall, ma è certo che una politica estera europea in queste due regioni deve anche essere finanziata in una certa misura. Non ho esattamente esagerato le speranze, ma l’Europa non può evitare il compito di creare condizioni in questi paesi che rendono inutile il fatto che le persone ci spingano.

SPIEGEL: La guerra dei Balcani ha dimostrato che l’Europa ha aspettative deludenti se vuole agire come un gestore di crisi.

Dahrendorf: sperimenteremo tali dissonanze ancora più spesso. L’Europa commette un errore quando si considera una superpotenza. Dovrebbe piuttosto aiutare a rafforzare le organizzazioni internazionali. Tutte le discussioni sulla riforma all’interno dell’UE stanno girando intorno alla domanda: come possiamo rendere l’Europa più capace di agire e prendere decisioni più decisive? Per me, tuttavia, l’attenzione non è più l’efficienza ma più la democrazia.

SPIEGEL: Le decisioni internazionali possono essere controllate democraticamente?

Dahrendorf: Fino ad ora, nel momento in cui un argomento migra in Europa, non fa più parte del normale processo democratico. La maggior parte delle decisioni europee cadono nel Consiglio dei ministri senza discussione, sono il prodotto di comitati ufficiali, che sfuggono a qualsiasi controllo.

SPIEGEL: il Parlamento europeo dovrebbe avere più diritti?

Dahrendorf: il Parlamento europeo non è un parlamento. Non si può dare alcun diritto a un parlamento, il parlamento dà i diritti. Un parlamento che deve presentare una petizione alla Commissione per il proprio bilancio, che non può imporre tasse che nessun governo ordina o respinge, non merita questo nome e non diventerà mai uno strumento democratico.

SPIEGEL: Quindi potrebbe essere abolito subito.

Dahrendorf: sono sempre stato per il Parlamento europeo indirettamente eletto. Ridurrebbe inoltre drasticamente il numero di giorni di riunione, il che non sarebbe sbagliato. In tale assemblea indirettamente eletta, i deputati possono anche essere membri dei rispettivi parlamenti nazionali.

SPIEGEL: Fino ad ora, l’unificazione europea ha fatto progressi solo quando  il motore franco-tedesco ha spinto la macchina. Di recente, tuttavia, i dissidi tra Bonn e Parigi sono in aumento. Potrebbero esserci nuove alleanze all’interno dell’Unione europea che cambino anche la visione dell’Europa?

Dahrendorf: Nel complesso, l’interesse franco-tedesco è intatto, anche se le parti non sono sempre personalmente collegate personalmente. È vero, tuttavia, che lo stato-nazione non solo mantiene il suo significato ben fondato, ma si afferma anche sempre più come soggetto dell’azione internazionale. Non si può escludere che in alcune aree ci sarà competizione tra gli stati nazionali europei.

SPIEGEL: È diventato evidente nei Balcani che gli inglesi e i francesi erano più inclini verso la parte serba, mentre i tedeschi sostenevano i croati. ,

Dahrendorf.:anno avuto la sfortunata fortuna che gli americani erano alla fine della loro posizione.

SPIEGEL: Helmut Kohl parla a volte di se stesso, un po ‘trasfigurandosi, come l’ultimo grande europeo. C’è qualche idea se la prossima generazione non avrà lo stesso impegno emotivo per costruire l’Europa?

Dahrendorf: Kohl è in un certo senso l’ultimo europeo. Lo rispetto per questo. Tuttavia, non mi allarma che quelli che vengono dopo di lui, da qualunque partito, hanno una relazione meno affettiva con i piani europei e considerano l’Europa più un’alleanza di convenienza che una relazione del cuore.

SPIEGEL: Potrebbe forse Kohl provare a far valere finalmente la sua ultima importante eredità, l’unione monetaria, prima che se ne vada?

Dahrendorf: Penso che cercherà di raggiungere l’unione per il 2002 – 2006  e che cercherà di  essere presidente con l’unione monetaria.

 

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/11/04/lord-dahrendorf-prevedeva-leuro-e-si-augurava-non-si-realizzasse
Twitter