Arte

Usa restituiscono reperti archeologici a Italia

La restituzione all’Italia di tre reperti di epoca greca, un vaso per oli e unguenti, una brocca da vino e una terrina per cibi, recuperati dalle autorita’ americane negli Stati Uniti, principale mercato d’arte mondiale per le opere italiane trafugate, è stata l’occasione per rinnovare il Memorandum d’Intesa tra i due Paesi per il contrasto al traffico illegale di reperti. All’iniziativa, che si è tenuta presso l’Ambasciata d’Italia a Washington, ha partecipato il Ministro per i Beni e le Attivita’ Culturali Alberto Bonisoli. Nel  suo intervento, il Ministro ha ricordato come il Memorandum sia un importante meccanismo per rafforzare la collaborazione tra le nostre forze dell’ordine e uno strumento efficace di cooperazione culturale. ”L’accordo – ha detto  – ha fornito molteplici opportunita’ per la ricerca accademica e ha permesso un godimento piu’ ampio dell’immenso patrimonio culturale italiano”.

L’Ambasciatore Armando Varricchio ha sottolineato” la straordinaria cooperazione che l’Italia ha stabilito con gli Stati Uniti, con cui condividiamo idee e valori e la ferrea convinzione che proteggere il nostro patrimonio sia indispensabile per costruire un futuro migliore”. Il Generale Fabrizio Parrulli, Comandante Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, ha infine espresso ”l’orgoglio e la soddisfazione del suo Nucleo che lavora con passione e determinazione per rafforzare la cultura della restituzione in Italia e all’estero”. L’iniziativa ha visto infine la presentazione del catalogo  ”Salviamo l’arte, proteggendo il patrimonio”, volume che raccoglie le immagini di oltre 200 opere importate illecitamente negli Stati Uniti e restituite all’Italia. Le pagine del catalogo raccontano il lavoro svolto in oltre 15 anni di collaborazione per preservare le antichita’ e il patrimonio artistico italiano, nonche’ promuovere mostre e programmi accademici sul tema della tutela.  Folta la rappresentanza statunitense che ha partecipato all’evento, composta sia da esperti d’arte che di investigatori dell’Fbi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE