fbpx

Violenza sulle donne: rompere la subcultura del possesso

Print Friendly, PDF & Email

Oggi, 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. La richiesta di UMOFC, ACLI, AC e altre organizzazioni cattoliche alle Istituzioni: porre a regime tutte le norme di contrasto alla violenza alle donne. In occasione della ricorrenza, anche le parole del cardinale Bassetti, presidente della Cei: chi maltratta una donna – dice – rinnega le proprie radici
Emanuela Campanile – Città del Vaticano

Manifestazioni, dibattiti, confronti e convegni non bastano per dire ‘no’ alla violenza sulle donne. Occorre un forte movimento etico per rompere la subcultura del ‘possesso’ e del silenzio. E’ necessario che le donne non sottovalutino e non tacciano i primi segnali di pericolo per evitare l’irrimediabile. Lo ribadiscono UMOFC, ACLI, Azione Cattolica e altre organizzazioni cattoliche con una nota diffusa in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, che tutto il mondo celebra oggi.

“ Riteniamo necessario e urgente prevedere adeguati sostegni familiari e innovativi strumenti legislativi e politiche sociali che contribuiscano a una migliore armonizzazione della vita familiare con quella personale e lavorativa della donna ”

L’importanza di educare
Dato che il fenomeno della violenza sulle donne – fanno sapere dall’ISTAT, l’Istituto Nazionale di Statistica – è di difficile misurazione perché in larga parte sommerso, le associazioni cattoliche impegnate a contrastare questa drammatica realtà puntano sull’educazione al rispetto della persona e sull’importanza della politica. Infatti, come ribadito nella nota, solo una sinergia tra il lavoro educativo e una politica istituzionale “chiara e forte contro la violenza, possono aiutare la nostra società a progredire in umanità”.

LEGGI ANCHE
25 novembre, una Giornata per dire basta alla violenza alle donne
24/11/2018
25 novembre, una Giornata per dire basta alla violenza alle donne
La richiesata alle Istituzioni
Da qui, la determinazione delle Associazioni e organizzazioni a potenziare il proprio lavoro di rete con tutti gli interlocutori a livello territoriale e, allo stesso tempo, a chiedere alle Istituzioni preposte, di “porre a regime tutte le norme di contrasto alla violenza alle donne”.

Le parole del cardinale Bassetti
In occasione della Giornata, anche le parole del cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza episcopale italiana. In un videomessaggio su Tv2000, il porporato spiega che “chi maltratta una donna rinnega e sconfessa le proprie radici perché la donna è fonte e sorgente della maternità. È una specie di sacrilegio massacrare una donna. La violenza contro le donne sta diventando sempre più un’emergenza anche a livello nazionale che va combattuta a vari livelli”. “La Chiesa – aggiunge – ribadisce con forza il proprio sostegno e la propria vicinanza a tutte le donne vittime di maltrattamenti e violenza. Come sacerdoti spesso siamo i primi a raccogliere brevi racconti da chi subisce violenza. Dobbiamo essere dunque più accoglienti, attenti e meno frettolosi nei loro confronti”.

“ Il genio femminile è necessario in tutte le espressioni della vita sociale; per tale motivo si deve garantire la presenza delle donne anche nell’ambito lavorativo’ e nei diversi luoghi dove vengono prese le decisioni importanti, tanto nella Chiesa come nelle strutture sociali – Papa Francesco.

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2018/11/25/violenza-sulle-donne-rompere-la-subcultura-del-possesso
Twitter