fbpx

Il Sahara “cambia pelle” ogni 20mila anni

Print Friendly, PDF & Email

Il Sahara “cambia pelle” ogni 20mila anni: la sensazionale scoperta
Pitture rupestri primitive e fossili scavati nella regione suggeriscono che il prima l’area desertica fosse un’oasi verdeggiante

Da Luca Scialò

Il deserto del Sahara, si sa, è uno dei luoghi più aridi e più inospitali del pianeta. Il quale copre gran parte del Nord Africa. Tuttavia, il deserto del Sahara non è sempre stato così, come oggi lo conosciamo.

Infatti, pitture rupestri primitive e fossili scavati nella regione suggeriscono che il Sahara fosse addirittura un’oasi relativamente verdeggiante, dove prosperavano perfino insediamenti umani e una varietà di piante e animali.

A suffragio di questa tesi, il fatto che i ricercatori del MIT hanno analizzato le polveri depositate al largo dell’Africa occidentale negli ultimi 240.000 anni, pervenendo alla conclusione che il Sahara e il Nord Africa in generale si sono alternati tra climi umidi e secchi ogni 20.000 anni.

Ma come è stato possibile tutto ciò?

Il Sahara un tempo era verdeggiante
L’alternanza tra un aspetto verdeggiante e uno desertico si spiega con i cambiamenti all’asse terrestre mentre il pianeta orbita intorno al sole, che a sua volta influenza la distribuzione della luce solare tra le stagioni.

Ogni 20mila anni, la Terra ottiene più luce solare in estate per poi tornare indietro di nuovo. Per il Nord Africa, è probabile che, quando la Terra è inclinata per ricevere la massima luce solare estiva con ogni orbita intorno al sole, questo aumento del flusso solare intensifica l’attività monsonica della regione, che a sua volta rende il Sahara più umido, più “verde”.

All’opposto, quando l’asse del pianeta terrestre oscilla verso un angolo che riduce la quantità di luce solare in arrivo, l’attività dei monsoni finisce per indebolirsi, producendo un clima più secco simile a quello che conosciamo ai giorni nostri.

Articoli Correlati
Alzheimer, Intelligenza Artificiale identifica la malattia dieci anni prima
Il morbo di Alzheimer colpisce molte persone ogni anno, ma uno studio italiano potrebbe rappresentare…

Sahara Forest Project, trasformare il deserto in foresta con la tecnologia
La desertificazione è un problema che riguarda ampie porzioni del nostro pianeta, un fenomeno difficile…

Scoperta la possibilità di entrare vivi in ​​un buco nero
Nel mondo reale, il passato determina in modo univoco come sarà il futuro. Ad esempio, se…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2019/01/04/il-sahara-cambia-pelle-ogni-20mila-anni
Twitter