Interviste & OpinioniPoliticaSenza categoria

È in gioco il carattere della democrazia ….

Caro Macaluso

confesso che ho difficoltà a seguire il complesso e non facilmente seguibile processo legislativo e la decretazione d’urgenza che dovrebbe essere lasciata alle urgenze reali e non a quelle politiche o lobbistiche come è successo ad esempio sui vaccini, producendo di conseguenza dei mostriciattoli giuridici a cui poi bisogna mettere di continuo le mani. Maggioranza parlamentare più o meno blindate non può significare mortificare il Parlamento che è la Sede della produzione legislativa, senza danno alla qualità della stessa legislazione che sotto la pressione dell’urgenza e come operare di continuo d’urgenza in sala operatoria…

Premesso tanto, credo che sarebbe bene da tutte le parti abbassare i toni e discutere nel merito delle questioni che pure sono aperte da tutte le parti.

Indubbiamente non si può dire che in Svizzere la Polizia e lo Stato in generale sono disumani. Eppure a confronto la politica di sicurezza elvetica è ben oltre il decreto legge recentemente approvato e se non hai le carte in regola vieni accompagnato alla frontiera o messo in galera. Nessuno può girare a Lugano o Zurigo senza documenti che vengono rilasciati dopo un lungo processo di verifica e di accreditamento. Ciò rende la Svizzera un Paese sicuro e ordinato, magari troppo. Da noi pericolosamente vagano per le citta migliaia di giovani in cerca di fortuna che con grande benevolenza la Legione Straniera filtra verso le nostre coste, per essere poi bloccati a Ventimiglia, dove ai bambini tagliano le scarpe (e non i piedi e già mi sembra un atteggiamento molto umano).

Come molto umano mi sembra l’atteggiamento dei paesi euromediterranei umanitari davanti alle due barche tedesche con qualche decina di migranti che da dieci giorni vagano davanti alle coste maltesi senza un porto sicuro. Certamente Il Governo Italiano è “cattivo”, ma che dire dei maltesi (poverini sono piccoli ..), e dei meno piccoli Francesi e Spagnoli? E degli altri che minacciano fuoco e fiamme e di schierare l’esercito come i buoni austriaci al Brennero? In Italia siamo obiettivamente al collasso è non possiamo caricare il Paese oltre mentre l’Europa si barrica.

Per quanto riguarda il carattere della Democrazia mi piacerebbe che da internazionalisti non colonialisti, dessimo un’occhiata al carattere che va assumendo la Democrazia in Congo dove da due anni non si svolgevano le elezioni, fatte poi il 30 dicembre dopo varie peripezie e adesso a scrutinio in corso il più ricco Paese del Mondo è sotto silenzio radio telefonico e internet e chissa che sta succedendo, nel silenzio anche del solitamente ben informato Le Monde e non solo, con rischi non solo democratici per un Paese strategico per l’Africa e per l’Europa http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2019/01/03/congo-slitta-annuncio-risultati-voto_9e5f4bc8-6881-4c2f-887c-252336eec353.html .

Credo che sia il caso di ritornare ad una normale dialettica Parlamentare e politica evitando se possibile di usare parole grosse che si potrebbero e dovrebbero usare forse, proprio volendo, parlando del Congo o di altre situazioni su cui si parla poco a Sinistra e non solo http://www.corrierenazionale.net/2018/12/31/domanda-di-fine-anno-il-conte-dracula-e-ancora-tra-noi/

Vincenzo Valenzi

https://www.facebook.com/vincenzo.valenzi

Il Post di Macaluso https://www.facebook.com/1511161832491496/posts/2212320599042279


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE