fbpx

Brexit, inglesi in fuga

Print Friendly, PDF & Email

Il numero di cittadini britannici che stanno assumendo la cittadinanza di un altro stato membro dell’Unione europea è aumentato sostanzialmente in vista della Brexit che scatterà a marzo. Lo rivela un sondaggio condotto dalla Dpa, secondo il quale Germania, Irlanda, Spagna e Portogallo hanno visto, negli ultimi tre anni, un notevole aumento delle richieste di passaporto dagli inglesi. Molti britannici sono preoccupati per il loro futuro e per la possibilità di lavorare o viaggiare in Europa, vista anche l’incertezza dei negoziati che Londra sta portando avanti con Bruxelles sui termini della sua partenza e l’impatto economico della Brexit.

In Germania, questo ha portato a un record di 7.500 naturalizzazioni da parte di cittadini britannici nel 2017, rispetto a solo 622 nel 2015. Rispetto allo scorso anno, l’Irlanda ha visto un aumento del 22% del numero di richieste di rilascio di passaporti irlandesi da parte dei sudditi di Sua Maestà. Solo per il 2018 sono state ricevute circa 183.000 mila domande. In Spagna, il numero è triplicato nei primi 10 mesi dello scorso anno rispetto al 2015. La cifra è stata tuttavia piuttosto bassa, 166, a causa del requisito che prevede la rinuncia all’attuale passaporto e la residenza nel Paese da almeno 10 anni. Anche il Portogallo ha visto aumentare il numero di richieste di cittadinanza dalla Gran Bretagna nei primi 11 mesi del 2018 a circa 500. Nel 2015, la piccola nazione iberica ne aveva registrate solo 62.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2019/01/07/brexit-inglesi-in-fuga
Twitter