fbpx

Tutte vipere le donne nelle canzoni delle nonne

Print Friendly, PDF & Email

Le canzoni dal testo misogino, che cantavano le nostre nonne (mamme per i vecchietti come me) non si contano. Io le udivo cantare da mia madre che certo non si rendeva conto di come gli autori, maschi ovviamente, trattassero le donne nei loro versi. Figuratevi se me ne potevo rendere conto io che pure, ragazzino, le cantavo a voce spiegata. Mi udì Ugo una volta, ricordo, mentre cantavo salendo le scale, Ugo il ciabattino, che aveva laboratorio e dimora nelle soffitte del palazzo dove abitavo. Mi fissò, si tolse la pipa di bocca, mi disse: «Bravo!», e ripeté le parole che avevo cantato: «Se vuoi vivere senza pensieri, dalle donne ti devi guardar, sono vipere dagli occhi neri, e perciò non le devi curar…”. Non sono proprio neri gli occhi delle vipere, ma il colore serviva per la rima.

Vipera è anche la donna di un’altra canzone, così per l’appunto intitolata: “Vipera”. Qualche verso: “Vipera… Vipera… sul braccio di colei che oggi distrugge tutti i sogni miei, sembravi un simbolo: l’atroce simbolo della sua malvagità”. Donne malvagie, perverse, peccatrici, ammaliatrici d’uomini, tormentatrici d’uomini. Autore: E. A. Mario. Il compositore e poeta dialettale napoletano, inconsapevolmente misogino senz’altro, ed anche un po’ razzista, se si pensa alla celebre “Tammurriata nera”, sebbene di questa avesse scritto la musica e non il testo, era l’autore della a tutti nota “Leggenda del Piave” e d’altre famose canzoni. Ma questa mattina, durante la mia solita passeggiata, distrattamente ho preso a canticchiare un’altra di queste canzoni dal testo misogino che, apprese da piccolo, non ho più dimenticato.

Perlomeno il motivo non ho dimenticato. Ricordo il ritornello: “Chi vuole con le donne aver fortuna non deve mai mostrarsi innamorato”, e pochi versi, quelli che evidentemente, uditi dalla bocca di mia madre, colpivano la mia immaginazione: “Ma il mese appresso / ebbi un espresso / dalla mia bella ingrata: / era pentita della sua vita / e s’era avvelenata”. Sicuramente un’altra vipera, causa di dolori per gli uomini. Vipera o donna di facili costumi, come la pessima madre nella strappalacrime “Balocchi e profumi”, sempre dovuta alla fervida immaginazione di E. A. Mario. Altra canzone misogina che, avendola sentita cantare tante volte da mia madre, non ho più dimenticato e che ancora oggi canticchio distrattamente è “Ladra”.

Anche qui una donna perfida che si prende gioco dell’amato: “E tu / che pei capricci tuoi morir mi fai / m’hai preso il cor per farne quel che vuoi / e il tuo peccato non lo sconti mai”. Versi che colpivano la mia d’immaginazione e alle volte mi mettevano tristezza. L’autore? Di Giovanni Ermete Gaeta, naturalmente. E. A. Mario era il suo pseudonimo.

Renato Pierri

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2019/01/13/tutte-vipere-le-donne-nelle-canzoni-delle-nonne
Twitter