fbpx

Parlamento Ue contro tagli a programmi tra regioni

Print Friendly, PDF & Email

BRUXELLES – Non tagliare ma aumentare dopo il 2020 le risorse messe a disposizione dei programmi di cooperazione fra regioni Ue, meglio noti come Interreg. È la richiesta avanzata dal Parlamento europeo, che ha approvato a larga maggioranza (570 sì, 80 no, 25 astensioni) la relazione curata dal belga Pascal Arimont (Ppe), che ora fungerà da base per i negoziati con gli Stati membri sul bilancio Ue 2021-2027.

“Come parlamentari ci opponiamo alla proposta di bilancio della Commissione e suggeriamo un incremento sostanziale dei finanziamenti – ha dichiarato Arimont in una nota – questo è importante non solo per le regioni di frontiera europee, ma per l’Europa tutta. Gli Stati membri dell’Unione devono avere buone relazioni di vicinato”.

Il testo chiede un aumento di 2,73 miliardi delle risorse dedicate ai programmi Interreg rispetto a quanto proposto dall’esecutivo, facendo così salire l’intera dotazione a 11,16 miliardi. Inoltre la Plenaria, contrariamente a quanto proposto dalla Commissione, si schiera per il mantenimento dei programmi transfrontalieri basati sui confini marittimi, molti dei quali interessano anche l’Italia e le vicine Grecia, Albania e Montenegro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2019/01/19/parlamento-ue-contro-tagli-a-programmi-tra-regioni
Twitter