CronacaSenza categoria

Di Maio attacca la Francia, convocato l’Ambasciatore italiano

SCONTRO CON DI MAIO, PARIGI CONVOCA L’AMBASCIATRICE ITALIANA BUFERA PER LE ACCUSE SULL’AFRICA, ‘SONO OSTILI E IMMOTIVATE’

Teresa Castaldo dovra’ presentarsi davanti alla ministra degli Esteri Loiseau per le accuse del vicepremier che aveva affermato che i francesi colonizzano i Paesi africani imponendo loro una valuta per finanziare il proprio debito. Parigi: dichiarazioni inaccettabili e senza motivo. Moscovici, parole vuote e irresponsabili. Il 5 Stelle: nessun caso diplomatico, e’ tutto vero. Tria: rumore mediatico.

Scontro con Parigi dopo le parole del vicepremier Di Maio sull’Africa con l’attacco a Macron e sull’impoverimento delle colonie africane. ‘Sono ostili e senza motivo visto il partenariato della Francia e l’Italia in seno all’Ue’, nota Parigi, che convoca l’ambasciatrice italiana. Moscovici: ‘irresponsabile’. Rapporto Oms: quello che ‘i migranti portano le malattie’ e’ un falso mito, cosi’ come lo e’ che siano sempre piu’ numerosi. Il Viminale: sbarcati in Italia dall’inizio dell’anno in 155. L’anno scorso erano stati 2.730. Ieri 393 soccorsi in Libia. L’Unhcr: illegale mandarli indietro.
Le dichiarazioni di Luigi Di Maio, vicepresidente del Consiglio e leader M5S, sulle responsabilità francesi per le difficoltà dell’Africa subsahariana (attribuite al sistema del Franco Cfa, una sorta di “contratto” postcoloniale che lega di fatto le valute africane all’euro e impegna gli stati che ne fanno parte a depositare una quota delle loro riserve presso la Banca centrale francese), spingono Parigi a convocare l’ambasciatrice italiana Teresa Castaldo. Iniziativa non proprio di routine fra alleati. In giornata, a sostegno della posizione del vicepremier intervengono solo i 5 stelle. “Sono felice nel constatare – scrive il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano – che l’argomento del Franco CFA, ovvero del controllo monetario della Francia sulle sue ex colonie africane, sia esploso sulla stampa italiana a seguito di dichiarazioni di Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista. Meglio tardi che mai visto che ne parliamo, seppur con minore risalto, da tempo”.

Per il senatore stellato Gianluigi Paragone, il Franco Cfa è “uno strumento neocoloniale con cui la Francia rende deboli e dipendenti le economie di 14 ex colonie africane alimentando in quei paesi povertà e conseguenti flussi migratori e traendone grossi vantaggi finanziari”. Di Maio, dal canto suo, ribadisce: “E’ tutto vero, la Francia impedisce lo sviluppo” delle ex colonie. Salvini preferisce occuparsi di Israele e polemizzare con il Fondo monetario, ma il leghista Paolo Grimoldi, pur senza addentrarsi nella controversa questione sollevata da Di Maio (e rilanciata ieri in tv da Alessandro Di Battista), commenta duramente l’iniziativa di Parigi. “Se la Francia – osserva – si permette di convocare il nostro ambasciatore a Parigi solo per le battute delle ultime ore del vicepremier Di Maio allora noi, in proporzione, quando Macron e i suoi ministri la scorsa estate rovesciavano insulti e offese sul nostro Governo avremmo come minimo dovuto espellere il loro ambasciatore a Roma”.

Le opposizioni sono sul piede di guerra, il Pd chiede che il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi riferisca in Parlamento: domani la richiesta sarà ufficializzata in conferenza dei capigruppo al Senato. Secondo Matteo Renzi gli esponenti del M5S, con il “loro bisogno di crearsi nemici”, stanno “ridicolizzando 70 anni di politica estera italiana”. Tace per ora il governo: non è stato deciso, trapela da ambienti governativi, chi dovrebbe prendere posizione sull’iniziativa francese, se palazzo Chigi o una imbarazzata Farnesina. Consultazioni sono in corso ma è chiaro che in qualche modo Roma dovrà far sentire la sua voce. Per il Movimento 5 stelle, comunque, la mossa di Di Maio rischia di essere un autogol.

Domani doveva essere la grande giornata dell’autocelebrazione del M5S per il varo del decreto sul reddito di cittadinanza. Beppe Grillo (in dubbio per problemi personali) e Davide Casaleggio, i parlamentari, il Governo, con il premier Giuseppe Conte, tutti riuniti in una sala convegni del centro di Roma per conquistare Tg e titoli di giornale in quello che per i 5 stelle è un passaggio fondamentale delle loro promesse elettorali. Ma l’ombra di uno scontro con la Francia alimenta le tensioni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE