fbpx

Oscar: Roma e the favourite in testa, bene Black Panther e a star is Born

Print Friendly, PDF & Email

Dopo aver vinto dieci premi su tredici candidature ai Bafta e dopo aver ottenuto il Golden Globe per la migliore attrice in un film commedia o musicale grazie alla prova di Olivia Colman, ‘The Favourite’ (La favorita) ha fatto il pieno di nomination agli Oscar 2019, ben 10 al pari di ‘Roma’ di Cuaron. Il film, diretto dal regista greco Yorgos Lanthimos, ha come protagoniste Olivia Colman, Emma Stone e Rachel Weisz. La favorita e’ ambientato nei primi anni del diciottesimo secolo: l’Inghilterra e Francia sono in guerra. La regina britannica Anna (Olivia Coleman) e’ sempre piu’ fragile, mentre la sua amica intima Lady Sarah Churchill (Rachel Weisz) prende in mano il governo del Paese. Al tempo stesso, pero’, Lady Sarah si prende anche cura della sovrana dal carattere irascibile. L’amica della regina prendera’ poi sotto la sua ala la nuova arrivata a corte, Abigail Masham (Emma Stone), che vuole cogliere l’occasione per tornare alle radici aristocratiche da cui discende ed entrare nelle grazie della sovrana. Quando l’amicizia con la regina Anna sara’ consolidata, Abigail non si fara’ scrupoli a realizzare tutte le sue ambizioni senza farsi ostacolare da nessuno. ‘The Favourite’ e’ stato presentato alla 75.ma edizione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, dove ha vinto il Gran Premio della Giuria. In questa occasione la Coppa Volpi e’ stata consegnata a Olivia Colman (candidata anche all’Oscar), che interpreta la Regina Anna. La pellicola e’ stata distribuita negli Usa dal 23 novembre 2018 e in Italia uscira’, invece, il 24 gennaio 2019.

Non le basta il Golden Globe per la migliore interpretazione in un film drammatico, Glenn Close punta adesso all’Oscar grazie alla sua prova attoriale in ‘The wife – Vivere nell’ombra’. La pellicola, basata sull’omonimo romanzo di Meg Wolitzer, racconta la storia di Joan (Close), moglie di Joe Castleman, scrittore vincitore del premio Nobel. La donna, nel tragitto per recarsi a Stoccolma a ritirare il premio, ripensa alla vita passata con il marito e ai compromessi che ha dovuto accettare per far si’ che raggiungesse il successo. Le grandi capacita’ di Glenn Close di certo non sono state scoperte solo ora. Nata nel 1947 a Greenwich, negli Stati Uniti, l’attrice inizia a farsi conoscere sul finire degli anni Settanta prima a Broadway e poi nelle produzioni Off-Broadway, il teatro alternativo. Il successo maggiore, pero’, l’ottiene quando si dedica al cinema. Le sue parti piu’ note sono quelle in ‘Attrazione fatale’ (1987 con Michael Douglas), ‘Le relazioni pericolose’ di Stephen Frears, ‘La carica dei 101 – Questa volta la magia e’ vera’ (1996) e ‘Albert Nobbs’, nel quale e’ irriconoscibile per la sua trasformazione fisica. Glenn Close e’ considerata una delle migliori attrici della sua generazione e punto di riferimento per la New Hollywood, il periodo di grande rinnovamento del cinema americano partito negli anni Sessanta. Oltre alla settima arte – grazie alla quale ha ottenuto, senza mai vincerlo, sei candidature agli Oscar – l’interprete ha lavorato molto anche in teatro dove ha conquistato per la sua bravura quattro Tony Awards.

C’e’ anche un po’ di Italia in questa edizione numero 91 degli Oscar. Sara Pichelli, disegnatrice di fumetti di Porto Sant’elpidio, classe 1983, e’ fra i disegnatori di Spider-man into the Spider-verse, tradotto in Italia con il titolo di Spider-Man: Un Nuovo Universo e uscito lo scorso Natale. Il film e’ fra i cinque candidati nella categoria miglior film d’animazione e per realizzarlo e’ stata creata una nuova tecnica che unisce le tecnologie di Sony Pictures Animation con lo stile dei disegnatori di fumetti impegnati nel progetto, fra questi Sara Pichelli appunto. “Abbiamo fatto in modo che lo spettatore possa vivere la sensazione di entrare in un comic book tridimensionale, si tratta di una cosa mai vista prima su uno schermo”, aveva detto della nuova tecnica il produttore Christopher Miller in occasione dell’uscita del film. Chissa’ che questo escamotage non porti il film alla vittoria. Sarebbe una piccola rivincita per un anno davvero povero di premi per l’Italia.

Queste le nomination: Miglior film A Star is Born BlacKkKlansman Black Panther Bohemian Rhapsody La favorita Green Book Roma Vice Miglior regia Adam McKay, Vice Alfonso Cuarón, Roma Pawel Pawlikowski, Cold War Spike Lee, BlacKkKlansman Yorgos Lanthimos, La favorita.

Miglior attore protagonista Bradley Cooper, A Star Is Born Christian Bale, Vice Rami Malek, Bohemian Rhapsody Viggo Mortensen, Green Book Willem Dafoe, Sulla soglia dell’eternita’ Miglior attrice protagonista Glenn Close, The Wife Lady Gaga, A Star Is Born Melissa McCarthy, Can You Ever Forgive Me? Olivia Colman, La favorita Yalitza Aparicio, Roma Miglior film d’animazione Gli Incredibili 2 Isola dei Cani Mirai Ralph Spacca Internet Spider-Man: Into the Spider-Verse Miglior documentario Free Solo Hale County this morning, this evening Minding the gap Of fathers and sons RBG.

Miglior film straniero Germania, Never Look Away Giappone, Shoplifters Libano, Capernaum Messico, Roma Polonia, Cold War Miglior sceneggiatura originale First Reformed Green Book La favorita Roma Vice Miglior cortometraggio documentario Black Sheep End Game Lifeboat A night at the garden Period. End of sentence Miglior canzone “All The Stars”, Black Panther “I’ll Fight”, RBG “Shallow”, A Star is Born “The Place Where Lost Things Go”, Il ritorno di Mary Poppins “When A Cowboy Trades His Spurs For Wings”, La ballata di Buster Scruggs .

Miglior sceneggiatura non originale Spike Lee, BlacKkKlansman Joel e Ethan Coen, La ballata di Buster Scruggs Nicole Holofcener e Jeff Witty, Can you ever forgive me? Barry Jenkins, Se la strada potesse parlare Eric Roth, Bradley Cooper, Will Fetters, A Star is born Miglior trucco e acconciature Border Maria Regina di Scozia Vice Migliore scenografia Black Panther La favorita First Man Il ritorno di Mary Poppins Roma Miglior effetti speciali (“visual effects”) Avengers: Infinity War Cristopher Robin First Man Ready Player One Solo: A Star Wars Story Miglior fotografia Cold War La favorita Never look away Roma A Star is Born.

Miglior attore non protagonista Adam Driver, BlacKkKlansman Mahershala Ali, Green Book Richard E. Grant, Can You Ever Forgive Me? Sam Elliott, A Star Is Born Sam Rockwell, Vice Miglior attrice non protagonista Amy Adams, Vice Emma Stone, La favorita Regina King, Se la strada potesse parlare Rachel Weisz, La favorita Marina de Tavira, Roma Migliori costumi La ballata di Buster Scruggs Black Panther La Favorita Il ritorno di Mary Poppins Maria Regina di Scozia Miglior montaggio BlacKkKlansman Bohemian Rhapsody Green Book La favorita Vice .

Miglior colonna sonora originale Black Panther BlacKkKlansman Se la strada potesse parlare L’isola dei cani Il ritorno di Mary Poppins Miglior cortometraggio di animazione Animal Behaviour Bao Late Afternoon One small step Weekends Miglior cortometraggio Detainment Fauve Mother Marguerite Skin Miglior sonoro (“sound editing”) Black Panther Bohemian Rhapsody First Man A quiet place Roma Miglior montaggio sonoro (“sound mixing”) Black Panther A Star is Born Bohemian Rhapsody First Man Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Segui via Email
Facebook
Facebook
Google+
http://www.corrierenazionale.net/2019/01/22/oscar-roma-e-the-favourite-in-testa-bene-black-panther-e-a-star-is-born
Twitter